Virus, altri tre morti e 89 casi in provincia di Massa-Carrara

Ancora 32 casi a Massa: il totale in provincia supera quota 10.000

Massa-Carrara. Altri 89 casi in provincia, e tre decessi. Il contagio non si ferma, tutt'altro. Le vittime sono tre uomini, due di 88 anni e uno di 71 anni. Così il numero delle vittime da inizio contagio sale a 463. Per quanto riguarda i nuovi positivi, ancora a Massa il numero più alto, 32, e in genere è la costa la più colpita, con 67 casi rispetto ai 22 della Lunigiana. Con questi 89 casi, è stata superata la soglia dei 10mila positivi in provincia.

Questo il dettaglio. Zona Apuane 67 casi, di cui Carrara 20, Massa 32, Montignoso 15; Lunigiana 22 casi, di cui Aulla 7, Casola in Lunigiana 1, Fivizzano 5, Fosdinovo 2, Licciana Nardi 2, Pontremoli 1, Villafranca in Lunigiana 4.

I guariti su tutto il territorio aziendale sono 47.754 (+249 rispetto a ieri). Per quanto riguarda i ricoveri per “Covid-19”, negli ospedali dell’Azienda USL Toscana nord ovest sono in totale 295 (ieri erano 288), di cui 37 (ieri erano 35) in Terapia intensiva.  All’ospedale Apuane 56 ricoverati, di cui 5 in Terapia intensiva. All’ospedale Versilia 80 ricoverati, di cui 8 in Terapia intensiva. 

Per ciò che concerne le vaccinazioni anti-Covid prosegue il piano elaborato ed attuato dall’Azienda Usl Toscana nord ovest per raggiungere operatori del sistema sanitario, ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (Rsa), personale non sanitario, personale scolastico, forze di Polizia. A ieri (3 marzo) le vaccinazioni effettuate erano 82.596, di cui 62.623 per prime dosi, tra operatori sanitari (29.473), ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (4.119), personale non sanitario, personale scolastico, forze di Polizia etc (29.031). Sono stati vaccinati 23.340 uomini e 39.283 donne.  Questo anche il dettaglio del numero di somministrazioni per zona con il dettaglio anche delle seconde dosi (in questi dati sono comprese sia le vaccinazioni ospedaliere che quelle territoriali): Zona Apuane: 11.632 vaccinazioni di cui 2.899 seconde dosi; Zona Lunigiana: 3.956 vaccinazioni di cui 1.069 seconde dosi.

A livello regionale, sono 1.239 in più rispetto a ieri (1.205 confermati con tampone molecolare e 34 da test rapido antigenico) i nuovi casi registrati oggi, lo 0,8% in più rispetto al totale del giorno precedente. Salgono così a 160.572 i casi totali di positività al Coronavirus. I guariti crescono dello 0,6% e raggiungono quota 136.119 (84,8% dei casi totali). I decessi sono 23, 16 uomini e 7 donne. Oggi sono stati eseguiti 15.140 tamponi molecolari e 8.604 tamponi antigenici rapidi, di questi il 5,2% è risultato positivo. Sono invece 13.025 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 9,5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 19.703, +2,3% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.202 (10 in più rispetto a ieri), di cui 173 in terapia intensiva (2 in più). Si registrano 23 nuovi decessi: 16 uomini e 7 donne con un'età media di 81,5 ann i. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione. L'età media dei 1.239 nuovi positivi odierni è di 44 anni circa (il 18% ha meno di 20 anni, il 23% tra 20 e 39 anni, il 35% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, il 5% ha 80 anni o più). Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (1.205 confermati con tampone molecolare e 34 da test rapido antigenico). Sono 43.821 i casi complessivi ad oggi a Firenze (309 in più rispetto a ieri), 13.483 a Prato (98 in più), 14.813 a Pistoia (157 in più), 10.001 a Massa Carrara (89 in più), 16.518 a Lucca (114 in più), 20.639 a Pisa (110 in più), 12.273 a Livorno (81 in più), 14.569 ad Arezzo (104 in più), 8.536 a Siena (110 in più), 5.364 a Grosseto (67 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 595 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 363 nella Nord Ovest, 281 nella Sud est. La Toscana si trova al 13° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 4.313 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 4.940 per 100 mila, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 5.223 casi per 100 mila abitanti, Massa Carrara con 5.157, Pistoia con 5.055, la più bassa Grosseto con 2.430.

Le persone complessivamente guarite sono 136.119 (772 in più rispetto a ieri, più 0,6%): 33 persone clinicamente guarite (21 in meno rispetto a ieri, meno 38,9%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 136.086 (793 in più rispetto a ieri, più 0,6%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo. Dei 23 nuovi decessi, 6 sono a Firenze, 2 a Prato, 2 a Pistoia, 3 a Massa Carrara, 1 a Lucca, 2 a Pisa, 5 a Arezzo, 1 a Siena, 1 residente fuori Toscana. Sono 4.750 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 1.592 a Firenze, 326 a Prato, 359 a Pistoia, 460 a Massa Carrara (più tre decedute fuori regione, in totale 463), 448 a Lucca, 545 a Pisa, 339 a Livorno, 304 ad Arezzo, 196 a Siena, 114 a Grosseto, 67 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 127,6 per 100 mila residenti contro il 163,7 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (237,2 x100mila), Firenze (158,5) e Pisa (129,1) , il più basso a Grosseto (51,6).