Gomma tagliata al fuoristrada dell’ex deputato Riccardo Canesi

Il professor Riccardo Canesi e, a destra, il taglio nella gomma

Pneumatico aperto con una lama, il professore rivela: in passato allentarono i bulloni di una ruota 

CARRARA. Un dispetto, una ragazzata, un puro atto di vandalismo? O un gesto intimidatorio? È difficile catalogare l’episodio avvenuto la notte scorsa in via Prampolini (Marina vecchia). Dove ignoti hanno tagliato una gomma di un furgone fuoristrada di proprietà di Riccardo Canesi, insegnante (ora in pensione), ex deputato dei Verdi (e membro della segreteria del ministro dell’Ambiente), scrittore, ambientalista “della prima ora”, ideatore dei Giochi della Geografia, vicepresidente di Euromobility (e altro ancora).

L’episodio è avvenuto probabilmente nella notte fra venerdì e sabato scorsi. Solo ieri mattina è però arrivato il verdetto del gommista, che conferma che quella ruota non si è sgonfiata per caso: nello pneumatico del furgone c’è uno squarcio laterale di 2 centimetri, prodotto da lama (gomma non riparabile. Costo del nuovo:105 euro).


«Non so chi ringraziare: se un giovane leone in cerca di adrenalina notturna o qualcuno a cui non sto simpatico», commenta amaro Canesi. Il quale invita i vicini a vigilare, perché, «potrebbe accadere anche a loro». Ma Canesi svela anche una serie di inquietanti precedenti di cui non aveva mai voluto parlare pubblicamente in precedenza. «Siamo al quinto vandalismo ai danni del furgone: altre volte ho trovato le ruote bucate, e anche di peggio». Qualche anno fa, racconta «per ben due volte, qualcuno mi ha allentato i bulloni di una ruota del mezzo. La prima volta me ne sono accorto per tempo mentre guidavo e non è successo nulla. La seconda volta, invece ho perso la ruota per strada. Per fortuna andavo piano, ero in una strada stretta. Ma ero appena uscito dall’autostrada con a bordo la mia giovane nipote. E vi lascio immaginare cosa sarebbe potuto accadere se la ruota l’avessi persa in autostrada».

L’ex parlamentare(che ci mette la faccia ma non il furgone: preferisce che non venga fotografato affinchè non venga anche ad altri l’idea di prenderlo di mira), ha denunciato il tutto alle forze dell’ordine. Che stanno facendo accertamenti su quanto accaduto.

Impegnato in mille battaglie per l’ambiente, Canesi è una persona pubblica e conosciuta, che ha ingaggiato accesi confronti con sindaci e politici di ogni colore, industriali, gruppi di potere. «Vero, ma questo non c’entra con le gomme e tagliate e i bulloni allentati. «Davvero non ho idea chi possa avercela. Comunque, finora, non posso lamentarmi: sono “un ragazzo fortunato”, visto che posso continuare a raccontarvi queste vigliaccate» . —

© RIPRODUZIONE RISERVATA