Massa, i bambini mascherati da medici e infermieri catturano il virus

Il martedì grasso alla San Filippo Neri 

Massa. Martedì grasso, ai tempi del Covid 19. Bella e significativa iniziativa con squillo di trombe. Nell’ampio cortile della scuola “San Filippo Neri” i meglio noti “Fratelli Cristiani” di Massa risuonano le solenni note della Marcia trionfale dell’Aida di Giuseppe Verdi. Incede lentamente una piramide sorretta da quattro Egizi. Segue il corpo di ballo della regina Cleopatra. Sulle note di Walk Like An Egyptian della rock band statunitense al femminile The Bangles le ballerine e i ballerini della Quarta primaria della docente Elisabetta Ferrante si esibiscono in una coreografia elegantissima come elegantissimi sono i loro costumi anche se realizzati con materiale povero: sacchi di plastica, cartoncini brillanti di vari colori, bracciali, collane, copricapo... Argomento in tema con il periodo storico che si sta studiando in aula come conferma un ricco tabellone con i volti degli alunni truccati da Egizi, esposto nei locali della scuola. A rompere la magica atmosfera, irrompe la classe Quinta di fratel Alberto Castellani al grido:Abbiamo catturato il Covid! Guida i loro passi la canzone “La vita è tutto un quiz” di Renzo Arbore, in aula opportunamente modificata. Il corteo trionfale è formato da bambine e bambini vestiti da dottori con enormi siringhe costruite in carta pesta, da personale medico con vistosi termometri, due barellieri e un infermiere che reca una gigantesca flebo. E poi una serie di cartelli: “La vita è tutta un ziiiipppp!!!”, “Non se ne può più!”, “La nottata non è così nera”, “W le vaccinazioni”, “Siamo un popolo di intelligenti”, “Vinceremo”.

Nella mattinata esibizione per gli alunni delle tre classi dei più piccoli opportunamente distribuiti negli ampi spazi del cortile e del porticato; nel pomeriggio spettacolo riservato ai genitori, un omaggio agli eroi del nostro tempo, un invito a non temere il vaccino più del virus, un’occasione preziosa per inventarsi una coreografia da parte dei piccoli. E tanto divertimento per tutti.Le Prima di Tiziana Tenace, la Seconda di Rachele Fangano, la Terza di Chiara Giuntoni hanno preferito abiti di carnevale individuali, senza costituire un gruppo a tema unico. Ne è nato un concorso in maschera durante il quale, dai bambini stessi, in ogni classe, sono state proclamate ( e premiate) le maschere migliori per originalità e realizzazione. Per la classe prima è risultato vincente Tommaso Fruzzetti vestito da Iron man, per la seconda Greta Arrighi vestita da Super Greta e per la Terza, un ex aequo, Alice Jacopini vestita da Figlia dei fiori e Alice Mosti da Cappellaio matto.R.M.


© RIPRODUZIONE RISERVATA