Notte Nazionale del Liceo Classico, si farà a maggio

Carrara. La pandemia non ferma la Notte Nazionale del Liceo Classico (nella foto, una passata edizione): l’appuntamento è solo rinviato a fine maggio. La Notte Nazionale del Liceo Classico VII Edizione, che si sarebbe dovuta festeggiare come da tradizione in questi giorni di gennaio, è stata rinviata all’ultima settimana di maggio, a causa dell’emergenza sanitaria. Il Liceo classico Repetti - come si sottolinea in un comunicato - ha già iniziato a programmare l’evento, anche in questo anno difficile, e dà appuntamento a tutti gli interessati al 28 maggio, sperando che la Notte Nazionale ai tempi del Covid riscuota lo stesso successo di pubblico e di partecipazione degli anni precedenti. Come ogni anno la festa del Liceo sarà un’occasione per proporre attività culturali e ricreative all’insegna della cultura classica e per ribadirne la sua attualità. Le modalità dello svolgimento sono ancora da definire, ma sicuramente nel pieno rispetto dei protocolli anti-covid, in relazione anche all’evoluzione della pandemia, per cui le attività potranno essere fruibili online. Protagonisti dell’evento saranno come sempre gli studenti del Repetti con i loro laboratori, i loro interessi e la loro creatività: anche per quest’anno sono in programma esperienze di teatro in lingua inglese, letture teatrali dai classici greci e latini reinterpretati in chiave moderna (il progetto “Laboratorio di Dioniso”), presentazione di prodotti artistici creati dagli studenti, mostre, performance musicali ed altro. Sarà dedicata attenzione anche ai potenziamenti di tipo scientifico che hanno arricchito il curriculum degli studi del liceo classico in questi ultimi anni, in particolare la sperimentazione della Curvatura Biomedica, che prosegue grazie alla collaborazione dei medici e dell’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi. Gli studenti, a distanza, hannoseguito le lezioni di cardiologia con il dott. Vittorio Molendi, di pneumologia con la dott.ssa Rigoletta Vincenti e di dermatologia con i dottori Giovanni Bagnoni e Mario Simoncini. La scuola ringrazia della collaborazione i medici intervenuti e il dott. Guido Bianchini che, come medico referente del progetto, coordina e organizza il percorso. Ad integrazione della sperimentazione biomedica è anche la collaborazione con Testbusters, organizzazione di studenti universitari di Medicina, di cui fanno parte alcuni ex allievi del Repetti, che, nell’ambito delle iniziative per l’Orientamento in uscita dell’Istituto Montessori-Repetti, supportano gli studenti degli ultimi anni di liceo nella preparazione al test di accesso alle Facoltà Sanitarie.© RIPRODUZIONE RISERVATA