Due giorni sola in casa con il figlio morto, l’anziana soccorsa dai vigili del fuoco

L'uomo è deceduto, probabilmente per un malore, a 63 anni. La madre, 92 anni, non si può muovere dal letto

CARRARA. In viale XX settembre a Carrara per due giorni la tragedia è rimasta sospesa eppure presente, estranea alla vita che continuava all’esterno. Nessuno si era accorto di nulla fino a ieri mattina.

Marco Rossi, 63 anni, si è accasciato in solitudine dentro la casa della madre 92enne che accudiva. Lei, unica possibile testimone della tragedia, in realtà è rimasta all’oscuro di tutto nonostante per due giorni sia rimasta con il figlio ormai morto in casa. Le sue condizioni non le permettono di muoversi dal letto e non si è resa conto di ciò che era accaduto. A soccorrerla ieri mattina sono stati i poliziotti e i vigili del fuoco, allertati da altri familiari che erano preoccupati dall’assenza di notizie di Rossi.

Rossi, che non aveva figli e una compagna, non viveva con la madre. Il suo volto però era conosciuto nel quartiere perché la sua presenza non era sporadica.  Sostanzialmente quasi tutti i giorni andava dalla madre, della quale si occupava, per accudirla. E ovviamente doveva provvedere a tutti i suoi bisogni.

Anche nelle attività dei dintorni infatti lo avevano notato. Un tipo riservato, fumantino in certe occasioni. Con un passato difficile. Piuttosto riservato, tanto che nessuno dei commercianti aveva mai stretto un vero rapporto di conoscenza pur avendolo visto tutti con una certa frequenza.

La sua assenza, o meglio il suo silenzio, sono stati però notati a un certo punto dai parenti. Non era infatti l’unico figlio dell’anziana donna che viveva da sola. Quando di Marco Rossi non c’erano notizie ormai da quasi quarantotto ore sono stati loro a prendere il telefono per avvisare le forze dell’ordine. Nessuna risposta infatti né al telefono né con altri tentativi di contattarlo. Un’irreperibilità che alla fine è parsa decisamente sospetta.

E d’altronde anche in casa della madre non ha mai risposto nessuno. I tentativi di contattarlo anche lì cadevano regolarmente nel vuoto. Ieri mattina sono arrivati dunque di fronte alla palazzina i vigili del fuoco, con un’autoscala, e la polizia. E subito hanno notato un segnale strano: la finestra sul balcone aperta - da giorni come hanno confermato i vicini - nonostante le temperature di recente fossero scese in modo netto.

Una volta dentro, dopo che i vigili del fuoco hanno forzato la porta d’ingresso chiusa senza mandate, i poliziotti si sono trovati di fronte a una scena terribile. L’uomo era a terra, morto, verosimilmente già da qualche tempo. Il medico che lo ha esaminato nei primi rilievi ha parlato di “morte naturale”. Anche se è presto per capire esattamente cos’abbia avuto Rossi.

La madre, incosciente di tutto, era da due giorni sola. In condizioni di certo non buone, ma per fortuna non critiche. È stato subito attivato il 118 ma pare che per la signora non sia stato necessario il ricovero. Nonostante fosse bloccata a aletto senza cibo, acqua e nessuno che la aiutasse da due giorni. —