«Segregati in casa senza notizie dalla Asl». Casani: «Ritardi nel gestire le quarantene»

«Il secondo tampone non arriva mai e abbiamo smesso di vivere». L’azienda: «Troppe richieste, stiamo provvedendo»