Dress, applicazione speciale per monitorare il contagio

Fisiologia Clinica del Cnr, Fondazione Monasterio, Comune di Montignoso, medici di base e pediatri insieme per il contrasto e il controllo del virus

Montignoso

Nasce "Dress", sistema di autovalutazione del rischio e supporto socio-sanitario, sviluppato dal Data Learn Lab, laboratorio congiunto tra l’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr e la Fondazione Toscana Gabriele Monasterio. Obiettivo? Monitorare il rischio individuale di contagio da Sars-Cov-2 e la potenziale evoluzione in malattia covid-19. «Un sistema - ha affermato il Dott. Dante Chiappino, della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio, nel corso della conferenza stampa di ieri a Montignoso - che permetterà di costruire una base di informazioni per analizzare, con algoritmi di intelligenza artificiale, le possibilità di contagio in questa fase ma che può essere esteso a vari tipi di patologia».


Tutto si basa essenzialmente sulla tecnologia "bot" (diminutivo di Robot), software che accedendo alla rete sfrutta gli stessi canali utilizzati dagli utenti ed è in grado di svolgere azioni in modo automatico, presente all'interno dell'applicazione Telegram. Tutto in modo anonimo.

«Un'opportunità straordinaria che parte da Montignoso - ha detto il Sindaco Gianni Lorenzetti accanto alla Giunta - perchè con un semplice smartphone si può analizzare e contribuire a migliorare la vita medica di ogni cittadino. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione di questo progetto, e ringrazio anche il coinvolgimento e l'impegno dei medici di base e pediatri, sono un elemento fondamentale di questo meccanismo, loro raggiungono la totalità dei soggetti su un territorio e potranno svolgere un'importantissima opera di sensibilizzazione».

Dress è un sistema di medicina partecipativa, dove «la medicina è quella che si fa non per il paziente ma con il paziente - afferma la Dott.ssa Michela Franchini dell'Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr - Dress è stato strutturato in questo momento di emergenza sanitaria come strumento di rilevazione trasversale, dalla fase di contagio a quella di guarigione, direttamente dal cittadino, e in grado di restituire al cittadino una stima del suo rischio di contagio», ma anche ottenere informazioni circa i comportamenti più efficaci per mantenere lo stato di salute, segnalare bisogni di supporto e assistenza, accedere a documentazione e aggiornamenti sull'emergenza sanitaria da Covid-19, gli obblighi normativi e la modulistica necessaria per la certificazione degli spostamenti.

Come si accede? È sufficiente installare l'applicazione Telegram su un qualsiasi cellulare o tablet e aggiungere "Dressbot" tra i propri contatti. «Abbiamo ipotizzato una batteria di domande dilazionate nel tempo - spiega la Dott.ssa Stefania Pieroni Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr - dalla parte anagrafica, genere e classe di età, cerchiamo poi di capire la situazione di salute, se sono presenti altre patologie, le abitudini. Un quadro completo che riguarda anche gli aspetti sociali e psicologici dell'utente».

«Dress è un sistema dinamico - afferma l'Ing. Daniele Della Latta della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio - in grado di modificarsi, le informazioni vengono archiviate in un database di apprendimento per un sistema di intelligenza artificiale. Sono presenti tre fasi, la prima è la diffusione del "bot" sulla popolazione, vengono rilevate le le informazioni dei singoli utenti, la seconda sfrutta queste informazioni integrandole con quelle della comunità scientifica e della Protezione Civile, nell'ultima fase il sistema riesce a fornire consigli all'utente per minimizzare i rischi».