«Il forno crematorio è rotto, le salme nelle celle frigorifere»

La testimonianza di una cittadina massese e le conferme del Comune. Si rompe almeno una volta a settimana, perché vecchio e malmesso