Stipendi a singhiozzo al “Cappelletto” La Cgil: il vescovo che fa?