Il vigile salva il gattino, si commuove e il video spopola. "Tra tanto dolore, un'emozione positiva"

Il racconto di Matteo Zaccara, il vigile del fuoco che ha salvato  tre gattini e si è commosso. Il video del suo pianto liberatorio  sta facendo il giro del web

MASSA.Sente che le lacrime stanno arrivando, sente che non può trattenerle. Si volta verso Paolo Lanzoni, il suo caposquadra e quelle lacrime gliele annuncia: «Mi viene da piangere, ci credi?». E lui, Paolo, gli va incontro e lo abbraccia. Sono spontanee e liberatorie le lacrime di Matteo Zaccara. Il pianto di chi ce l’ha fatta, dopo tre ore di lavoro e concentrazione. Tre ore in cui, con la testa china, cerca di salvare tre micetti, piccoli piccoli, finiti nel tubo di una vecchia canala di scolo.

Sopra quel tubo, a impedire l’accesso, un grande container. Per salvare quei mini felini serve un passaggio, c’è da spaccare il pavimento e creare un passaggio alternativo. Matteo, carrarese, 38 anni, da 4 nei vigili del fuoco, ne ha viste tante, ma quando riesce a liberare il secondo dei tre gattini rimasti prigionieri, piange e Paolo, il suo caposquadra, lo abbraccia forte: «Mi sono emozionato. Amo gli animali. Tante volte - racconta Matteo - ho fatto interventi per salvarne, ma quel giorno è successo qualcosa. Forse la tensione che si è allentata quando tutto è andato bene, forse la necessità di liberasi». Un pianto sano, bello. Che qualcuno riprende e posta su Facebook. Per riscaldare il cuore di tanti: «Non so chi abbia fatto il video, né chi l’abbia postato». Lui, Matteo, non lo avrebbe fatto, ma riconosce che «nel tanto dolore che vediamo, quelle sono immagini belle».

Massa Carrara, pompiere salva un gattino intrappolato e si commuove: "Mi viene da piangere"



È il pomeriggio del 2 settembre e una signora contatta il comando dei vigili del fuoco: «Da giorni sentiva miagolii disperati - racconta Matteo - abbiamo raggiunto l’abitazione sull’Aurelia, vicino al Mc Donalds. Tre gattini di una settimana erano prigionieri, sotto terra, nel vecchio tubo di una canala di scolo. Il caposquadra è riuscito a liberarne uno, io ho preso gli altri due. Quando mi sono trovato uno di quei piccolini tra le mani, dopo quasi tre ore di lavoro, beh mi sono venute le lacrime». Matteo lo guarda fisso negli occhi quel gattino - nel video si vede bene - e scherza commosso “Ti venisse un colpo”. Come a dire: me l’hai combinata, cuccioletto.

Poi quel micio con i due fratellini arriva nella mani affettuose di chi ha chiesto auto ai vigili del fuoco: «Li abbiamo consegnati alla signora, ma so che c’è un collega - racconta Matteo - che ne vorrebbe adottare uno». Matteo ci ha pensato a prendere uno di quei piccolini, ma in casa sono già in parecchi: «Abbiamo un gatto e un cane e presto arriverà nostro figlio». Un bambino che, insieme a mamma e papà, avrà due amici animali ad accoglierlo, a fargli compagnia. E - perché no - magari ad insegnargli, come è successo a papà, che a volte piangere è bello. —.