Abiti griffati, foulard e perfino ghiaccioli: è marmo-mania nella moda e nel food

Una blogger carrarese ha messo insieme una maxi compilation di prodotti ispirati al bianco “made in Carrara”

CARRARA. Abiti Fendi e Balmain, foulard, scarpe da ginnastica e persino gonfiabili: è marmo-mania. Nell’ambito dei trend dedicati al marmo nulla sfugge al blog “Everything Marble” di Chiara Viganò. La blogger carrarese ha realizzato una compilation di prodotti italiani ispirati al marmo, made in Carrara. Si parte da Fendi: la casa di moda di extralusso dedica un tributo ai marmi di Roma nella sua collezione autunno-inverno 2019-2020. Le stampe ispirate ai marmi policromi si ritrovano davvero su ogni tessuto, chiffon, cachemire e... pelliccia! Al secondo posto troviamo gli eleganti foulard in seta dipinti a mano di Artistante: marmo dorato, nero Portoro e bianco di Carrara. La rinomatissima Frau, nota non più solo per le poltrone in pelle ma anche per il settore calzature, ha lanciato poi una collezione di sneaker colorate con la suola ispirata al marmo di Carrara: le “Cromier”. Per portare con sé il proprio computer con eleganza abbiamo la borsa per laptop in edizione limitata “Carrara!” realizzata da Bombata. La linea è stata pensata per rivisitare un prodotto che, normalmente, è considerato troppo serioso.

C’è poi il primo turbante che si può scolpire grazie al suo nucleo malleabile, fatto a mano a Carrara: quello di L’ughetta, disponibile con stampe nei colori dello statuario, dell’arabescato e del portoro. Ma veniamo ai prodotti per la casa: le vetrerie di Empoli hanno lanciato una nuova collezione dedicata al marmo per l’estate 2019, con vasi centro-tavola in vetro, realizzati a mano, che imitano perfettamente i colori e le texture del marmo grazie a un particolare scelta di colori, con vene d’oro e colorate. L’azienda è un’eccellenza italiana, fondata ad Empoli nel 1938. Il marmo non può mancare nemmeno in tavola, da apparecchiare rigorosamente con i piatti in melammina con stampe marmoree per la collezione Moreschina Bianca di Mario Luca Giusti. Viganò spiega che le texture marmoree sono particolarmente di moda anche nel mondo della ceramica. Ma siamo ormai in piena estate, e per rinfrescarsi i più esigenti potranno ricorrere a un prodotto particolarmente bizzarro: i ghiaccioli in marmo! Il gelato da sempre vuol dire italia, e la blogger ha scoperto che la marmo-mania non ha risparmiato nemmeno i gelati (e le loro foto grafiasu instagram).

Oggi, infatti, i food blog sono quasi più seguiti di Chiara Ferrafni, il cosiddetto “food porn” con le sue foto ricercatissime di cibo spopola su instagram e, naturalmente, anche i guru del mangiar sano sono seguitissimi. E cosa c’è di più sano di un ghiacciolo per rinfrescarsi nella calura estiva? Sull’account instagram di @wholesomepatisserie si può trovare addirittura una ricetta per realizzare ghiaccioli “di marmo” in casa propria, con yogurt vegano al cocco e gel nero. Il pasticcere autodidatta Raymond Tan, meglio noto come Ray Ray, ne ha realizzato una versione decisamente più difficile da fare con le proprie mani: piccolissime sculture edibili su stecco, con un design ispirato all’architettura e agli elementi naturali.

I pezzi unici si possono ammirare su instagram all’indirizzo @rymondtn. Ovviamente non tutti i ghiaccioli in marmo sono commestibili: lo Studio Shylo, ad esempio, li ha realizzati come pezzi d’arredamento. I ghiaccioli di marmo sono comparsi come motivo decorativo su stampe a muro, tendine per la doccia, tazze. Un'accoppiata curiosa ma vincente. Se cercate un altro sistema per portare il marmo al mare, ci sono i gonfiabili: più precisamente le ciambelle di GetFloaty, disponibili nei colori nero marchina, marmo rosa e bianco di Carrara. Misurano 36 x 36 x 10 centimetri e sono acquistabili su internet.