Ripulita l’Edicola dei Fantiscritti, i nomi sono leggibili

a cura del corso di restauro dei materiali lapidei