Cartelli stradali nuovi di zecca dal centro al mare

MASSA. La commissione turismo nei mesi scorsi ha realizzato una serie di sopralluoghi sul territorio comunale per verificare lo stato della cartellonista stradale. Ieri il presidente Marco Battistini ha annunciato l'installazione di nuovi cartelloni per rendere più facile la vita ai non residenti e a quei turisti che scelgono il comune di Massa quale meta per le vacanze. Ad annunciarlo è lo stesso presidente della commissione, accompagnato in conferenza stampa dal consigliere Roberto Acerbo e dal geometra Carlo Biancolini, responsabile dell'ufficio competente. I sopralluoghi della commissione hanno evidenziato in particolare due percorsi principali da cui iniziare l'opera di rifacimento della cartellonistica stradale dell'intero comune. Il primo percorso inizia dal casello autostradale di Massa, passa da viale Mattei, tocca via Baracchini e arriva fino a via Massa Avenza. Il secondo parte invece da palazzo civico, attraversa via Eugenio Chiesa, arriva in via Marina Vecchia e passato l'obelisco spiana la strada verso il litorale. Entrambi i percorsi daranno informazioni relative alla via Francigena, al Castello Malaspina, al Museo Guadagnucci, al Duomo, a Villa Cuturi, al pontile, all'info Point di Partaccia e ai paesi montani. Riguarderanno quindi i tabelloni color marrone, utilizzati per indicazioni di località o punti di interesse storico, artistico, culturale e turistico; per denominazioni geografiche, ecologiche, di ricreazione e per i camping. I punti informativi che interessano il primo percorso sono stati già posizionati, mentre quelli relativi al secondo verranno allestiti entro la fine della stagione. In futuro, ha spiegato il presidente Battistini, sotto questo profilo verranno migliorati anche i due viali principali della città, viale della Repubblica e viale Roma. Costo del nuovo look: circa 2 mila trecento euro, e là dove è stato possibile alcuni cartelloni vecchi sono stati riposizionati e riutilizzati per il nuovo percorso. —

Camilla Palagi


La guida allo shopping del Gruppo Gedi