E a Massa 16 posti “anti alluvione”

Selezione per lavori di messa in sicurezza del Frigido e delle colline del Candia

MASSA. Una volta si chiamavano Lsu, lavori socialmente utili. Adessosono stati ribattezzati “lavori di pubblica utilità”. Ma non cambia molto: si tratta di progetti, finanziati con denaro pubblico per dare lavoro a chi non ce l’ha o, più spesso, a chi l’ha perso, affidando ai disoccupati/inoccupati compiti di manutenzione del verde pubblico, di lavori contro il dissesto idrogeologico, di pulizia e mantenimento del territorio. Ossia per interventi che i Comuni difficilmente riuscirebbero a fare con risorse e personale proprio. Appartiene a questa categoria il progetto gestito dall’Amia di Carrara per 35 persone e anche quello, che partirà a primavera, messo in campo dalla collaborazione tra Comune di Massa e Consorzio di Bonifica Toscana Nord - su un finanziamento regionale di oltre 155mila euro -che prevede l’assunzione di 16 persone per la manutenzione e la messa in sicurezza del fiume Frigido e del Candia.

In entrambi i casi si tratta di posti non a tempo determinato che verranno selezionati dal Centro per l’impiego. E la selezione metterà in prima fila soggetti disoccupati o inoccupati residenti o domiciliati in Toscana che hanno esaurito il periodo di copertura degli ammortizzatori sociali oppure sono sprovvisti di trattamento pensionistico.

La selezione per Massa dovrebbe partire nelle prossime settimane attraverso un bando pubblico e verrà gestita direttamente dall’ufficio del lavoro secondo criteri e punteggi decisi dall’amministrazione comunale insieme ai sindacati.

©RIPRODUZIONE RISERVATA