A Massa ricompaiono i topi, sala operatoria di nuovo chiusa

L'ospedale di Massa

Rimandati  gli interventi in programma per giovedì 21, blocco operatorio chiuso fino alla prossima settimana. I roditori hanno fatto la tana nel controsoffitto

MASSA. Ancora topi e sale operatorie  nuovamente chiuse all'ospedale di Massa. A  confermarlo è la stessa azienda sanitaria con una breve nota: "Dai controlli effettuati  giovedì 21 novembre - scrive -  è stata riscontrata la presenza di roditori (Mus musculus) all’interno del controsoffitto del blocco operatorio “week surgery”, . Nonostante l’intervento già effettuato permangono ulteriori criticità strutturali . In accordo con la Direzione Sanitaria, si è optato per la nuova chiusura completa dell’attività per il tempo necessario a provvedere ad un completo e definitivo superamento  del problema".

Al fine di contenere il disagio per l’utenza, l’attività chirurgica prevista per giovedì 20 è stata in parte rimandata, in parte riorganizzata in sedute straordinarie che è stato possibile  mettere a punbto nel Blocco Operatorio della “long surgery”   sfruttando il personale e le tecnologie disponibili e potenziando il servizio di sterilizzazione, mentre l’attività chirurgica programmata dei prossimi giorni è stata rimandata fino all’inizio della prossima settimana.

"In accordo con il referente dell’Ufficio Tecnico di Massa - prosegue l'Asl -  sono iniziati estesi lavori di ispezione e messa in sicurezza dal punto di vista impiantistico e strutturale di tutte le possibili vie di comunicazione dei locali interessati, sia orizzontali che verticali, verificando che i punti di attraversamento di cavi, tubazioni e canale vengano sigillati a regola d’arte, utilizzando materiali idonei a garantire la tenuta sul lungo periodo. Tale intervento, secondo le rassicurazioni ricevute, dovrebbe consentire il perfetto isolamento del blocco verso l’esterno, verso i cavedi verticali e verso l’alto, lasciando soltanto le indispensabili comunicazioni fra le varie compartimentazioni per consentire il passaggio degli impianti: inoltre verranno sigillate completamente le tre sale operatorie. A completamento degli interventi, sono state sigillate le aperture fenestrate non ancora fissate, inclusi i vasistas. Nel contempo si è provveduto a verificare, lo stato delle pertinenze del blocco operatorio, con particolare riferimento alle aree esterne dove stazionano i macchinari di trattamento aria".