Orrore tra i bagnanti a Marina di Massa, uccide l'ex moglie e spara a un amico di lei poi si toglie la vita

Un 40enne ha ferito in maniera gravissima un conoscente della ex moglie. Poi si è diretto al ristorante “Lorens” - che si trova vicino alla spiaggia e dove la donna lavorava come cameriera - uccidendola. Subito dopo l'assassino è uscito dal locale e si è sparato davanti a decine di persone: era stato denunciato dalla ex moglie per violenza e minacce almeno due volte negli ultimi 10 giorni - "Non lo fare, vedrai che tutto si sistema" - VIDEO Buongiorno toscana Femminicidio: le cifre di una strage

Prima la caccia all'amico della moglie in pieno centro. Poi l'omicidio della moglie al ristorante sul mare. L'ultimo atto, il suicidio. All'ora di pranzo Marina di Massa si trasforma nel Far West e il giorno di festa diventa una domenica di sangue: due morti e una persona in fin di vita.

Prima di spararsi, Marco Loiola, 40 anni, ha ucciso la moglie Cristina Biagi, 38 anni, dalla quale si stava separando, e ha gravemente ferito un amico di lei, cliente del ristorante, Salvatore Galdiero, 46 anni (FOTO). Secondo i primi accertamenti, Marco Loiola, ha cercato il presunto rivale, prima in un campo sportivo e poi, saputo che era uscito da poco, si è gettato all'inseguimento dell'uomo che ha trovato poco dopo in via Fosdinovo (FOTO). Qui gli ha sparato sei colpi ferendolo in maniera gravissima. L'uomo, contrariamente a quanto comunicato nei primi concitati momenti, non è morto ma è in sala operatoria dove i medici stanno tentando un disperato intervento chirurgico.

Le foto di Marco e CristinaLEGGIUomini che odiano le donneda Repubblica.it

Subito dopo, Loiola si è diretto in macchina al ristorante “Lorens” - che si trova sul lungomare - (MAPPA), dove l'ex moglie Cristina Biagi lavorava come cameriera, uccidendo la donna con due colpi di pistola, uno al viso e l'altro al torace, davanti a decine di persone. Uscito dal locale l'uomo ha anche minacciato alcuni passanti e poi si è tolto la vita.

Marco Loiola era stato denunciato dalla ex moglie per maltrattamenti almeno due volte negli ultimi 10 giorni. L'ultima denuncia è di 10 giorni fa: lei era andata dai carabinieri dopo essere stata picchiata. Analoga denuncia era stata presentata alla polizia. L'uomo deteneva la pistola in maniera irregolare.

In base a quanto ricostruito dai carabinieri, Marco e Cristina si stavano lasciando, anche se formalmente non erano ancora separati, e lui riteneva che responsabile fosse Salvatore, che aveva un'amicizia definita "affettuosa" con Cristina: i due non stavano però insieme. Nei giorni scorsi, Loiola più volte aveva minacciato la moglie, che da un po' era tornata a vivere dai genitori, insieme ai due figli di 3 e 10 anni.

tragedia

LE ULTIME PAROLE DEL SUICIDA: "SALUTA MIA MAMMA"
"Salutami tanto i miei, saluta tanto la mia mamma". Sono le ultime parole pronunciate da Marco Loiano, prima di suicidarsi, rivolte ad una donna che tentava di fermarlo fuori dal ristorante mentre lui stava puntandosi la pistola contro. "Era pallido, sudato, tremava - racconta Nicoletta Bertini, proprietaria del bagno Maria Pia, accanto al ristorante dove l'uomo ha ucciso la ex moglie -. Ho provato a fermarlo, gli ho detto "Ti prego, non farlo, anch'io sono una mamma" (VIDEO).

"Si è puntato la pistola contro - racconta Nicoletta - ma l'arma si è inceppata. Lui ha fatto qualcosa, ha tolto un bossolo, si è messo la pistola in bocca e poi si è sparato". "Mi hanno detto che prima di ammazzare la sua ex ha puntato l'arma contro un cliente a caso che gli ha detto: 'Ma che fai?'. Poi si è voltato e ha ammazzato la sua ex". "Ero al lavoro e ho sentito uno sparo - continua Nicoletta - così sono accorsa in strada. Ho visto questo signore, ci ho parlato. Gli ho detto "Ti prego, sono una mamma, non farlo". Ma lui mi ha detto solo "Salutami tanto i miei, salutami tanto la mia mamma". Un altro testimone, Andrea Pollastri, racconta: "Ho sentito due colpi di pistola. Mi sono affacciato e ho visto una ragazza che correva fuori dal ristorante, era terrorizzata e gridava: "Hanno sparato, hanno sparato". A quel punto tutti sono scappati in riva al mare".


"UN PROIETTILE SUL NOSTRO TERRAZZO"
"Stavamo pranzando, con mezza serranda abbassata per non far entrare il sole, abbiamo sentito tre spari, poi un colpo fortissimo vicino alla finestra, che solo dopo abbiamo scoperto essere un proiettile finito sul muro del nostro terrazzo. Trenta centimetri e sarebbe passato dalla serranda e colpendo mia moglie". A parlare è il proprietario di un appartamento che si affaccia in via Fosdinovo a Marina di Massa, dove Massimo Loiano ha sparato contro l'amico dell'ex moglie. Nella strada si é diffuso il terrore intorno alle 13,30: è abitata da turisti, proprietari di seconde case, che si trovavano per lo più al mare, e da questa famiglia massese. "Incautamente - dice l'uomo - siamo usciti sul terrazzo, dopo aver sentito i colpi, ma ho visto solo l'ombra dei due, uno che scappava, l'altro che lo rincorreva con una pistola in mano. Poi ho sentito un altro sparo. Solo dopo ho visto arrivare i carabinieri e le ambulanze". (Nel video il luogo della tragedia)

L'ULTIMO POST SU FACEBOOK
L'ultimo post, intorno alle 9 di domenica 28 luglio, poche ore prima di uccidere la moglie, ferire l'amico ed uccidersi. In questo ultimo contatto col suo profilo Facebook, Marco Loiola riporta una citazione di Bob Marley le cui prime frasi recitano: ''Si sbaglia sempre. Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia. Si sbaglia per imparare''. E poi accanto, un post: "Perdono molto ma non tutto! Dimentico subito ma non sempre! Non porto rancore ma detesto chi mi prende in giro!''. Frase scelta dall'uomo come immagine di copertina postata, probabilmente sempre questa mattina, come anche l'immagine del suo profilo: un uomo con due bambini, tutti sorridenti. E poi ancora foto di lui con un sombrero e i due bambini, uno stesso momento di felicità ricordata poche ore prima del tragico gesto. A metà luglio Marco Loiola scriveva: ''Mettere da parte il passato... ricominciare un'altra volta senza aver paura di sbagliare... accantonare quella tristezza.... chi ci rende inermi a ogni possibilità di rinascita...''. Riflessioni di un percorso di vita che probabilmente stava diventando troppo pesante, consuete nel profili Fb, ma che oggi al luce di quanto avvenuto possono apparire come drammatiche avvisaglie. Fra gli amici, compare anche la moglie, Cristina Biagi, il cui profilo non è stato aggiornato da qualche tempo.