Un massese alla guida della Roma Aurelio Andreazzoli sostituisce il mitico Zeman.

Quella finta che Taddei gli dedicò e che oggi spopola su Internet