Rumianca, ennesima morte di tumore

La denuncia dei fratelli Manici: «Nino Giusti era il nostro capoturno, di 700 che eravamo lì dentro saremo rimasti in venti»