Riflettori puntati sul 14 maggio quando il tribunale fallimentare discuterà l’istanza della procura

L’ipotesi di concordato preventivo in continuità con l’attuale gestione sembra decisamente difficile a meno che la proprietà non versi una cifra congrua per evitare il crac