Gigi, 60 anni di storia tra tradizione e millennials

Carmine Mariniello nel suo locale (Foto Sernacchioli)

La trattoria al Carmine, fondata nel 1962 da Luigi Giannini, è gestita dal 2002  dalla coppia Mariniello-Tambellini 

LUCCA. Sessant’anni ininterrotti di vita. Compleanno tondo tondo per la nota trattoria Da Gigi di piazza del Carmine al civico 7 che quest’anno compie anche i primi vent’anni di gestione ininterrotta dei suoi attuali proprietari. Un luogo conosciuto da tanti lucchesi. Ma anche frequentato da stranieri o personaggi famosi accorsi a Lucca per degustare del buon cibo e essere accolti in un’atmosfera familiare e rilassante.

A condurre il locale ci sono oggi Carmine Mariniello e il noto ex portiere della Lucchese Michele Tambellini, entrambi cinquantenni nel 2022 e amici sin dai tempi delle scuole medie. Con loro ad aprire l’attività e fino al 2013 in società anche Natale Mancini.


«Chi conosce la storia di Lucca – dice Carmine Mariniello – non può non pensare subito a chi questa trattoria nel 1962 l’ha avviata con impegno e tanto amore per il proprio lavoro. Luigi Giannini era originario di Fornovolasco. Aveva aperto un bar trattoria per il pranzo degli operai nel cuore pulsante di allora ovvero il Mercato del Carmine. Per tre decenni è stata la scelta vincente. Ci ha lasciato due anni fa quasi alle soglie dei 90 anni e della nostra riapertura post primo lockdown. E pensare – aggiunge Mariniello – che qui lui e sua moglie Assuntina che se ne è andata solo un anno dopo di lui, hanno lasciato con un ricordo indelebile lungo più di quarant’anni anche una parte grande del loro cuore”» .

Mariniello è originario di Potenza e a partire dal 1983, è stato anche undici anni in Germania. «Trattoria da Gigi – mette in luce Mariniello – ai tempi di Luigi Giannini era nel cuore pulsante del Mercato del Carmine. Abbiamo traghettato fino a oggi tipicità e tradizione. Se abbiamo avuto successo e ci siamo fatti conoscere ed apprezzare è perché abbiamo contribuito a portare avanti per 40 anni la tipicità di trattoria Da Gigi. Si può capire assaggiando i menù tradizionali della Lucchesia come i tordelli lucchesi, la garmugia, lo gnudi, la zuppa, le verdure fritte, la rovellina rifatta con il pomodoro accompagnata da verdure fritte, il peposo di manzo servito con la polenta, il pollo o i salumi e le carni della Garfagnana. E per i vini una scelta quasi esclusivamente delle colline lucchesi come Montecarlo».

Mariniello fa parte dell’Ais: un’associazione che valorizza la sua parte di sommelier. Oltre a fare il ristoratore è guida turistica a Lucca. «Da Gigi – dice con un sorriso Mariniello – oggi sono io! Andreea Bairamovici è mia moglie. Mi aiuta in cucina nella trattoria. Nel locale ci lavorano ancora le due cameriere storiche Antonella Macaluso e Manola Lencioni. Trattoria Da Gigi è un punto di riferimento per il lucchese che ama le tradizioni. Ci rivolgiamo ad un pubblico internazionale. Composto da turisti provenienti da tutto il mondo ma allo stesso tempo punto di riferimento per i lucchesi. Per capire il successo di trattoria Da Gigi è un fatto significativo che sia frequentato dai Millennials e dalla generazione Zeta. In generale, davvero tante persone. Diversi gli scatti nelle sale che hanno immortalato momenti che rimarranno per sempre testimoni di visite eccezionali. Per il futuro è una soddisfazione traghettarlo negli anni Venti del nuovo millennio. Ora – conclude Mariniello – puntiamo a saper stare altri vent’anni nel locale per essere all’altezza del grande Luigi Giannini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA