Contenuto riservato agli abbonati

Aumenta la colazione: anche 2,80 per cappuccino e pezzo dolce

Nella maggioranza dei casi l'aumento è di 10 centesimi per tazzina e per brioche

LUCCA. In questo inizio di 2022 all’insegna dei rincari, nemmeno una delle più piacevoli abitudini degli italiani – la colazione al bar – è stata risparmiata. Un caffè che rischia di essere amaro, non solo per i clienti ma anche per i gestori delle attività costretti, spesso e volentieri, a fare i conti con un minor afflusso di clienti. Non tutte le attività, però, hanno modificato i prezzi dall’anno nuovo. Come la pasticceria Regina di via Papa Giovanni XXIII. «Da noi una colazione caffè e pezzo dolce costa 2,60 euro mentre per un cappuccino e brioche si va sui 2,80. Sono tariffe che pratichiamo da mesi e non causate dai rincari. Il nostro obiettivo è fornire ai clienti la migliore qualità possibile: scegliamo con cura i nostri prodotti», dicono i titolari.



Per alcuni, l’aumento dei prezzi è dettato da più elementi. «Questa serie di rincari ha prodotto una spirale che colpisce tutti – dice il titolare del Planet Cafè di San Concordio –. Anche noi abbiamo dovuto alzare i prezzi. Caffè e cappuccino sono passati rispettivamente a 1,20 e 1,40 euro, così come un pezzo dolce è salito a 1,20. Dispiace molto perché ciò si ripercuote su tutta l’economia». La pensano in modo simile al bar del Sole di via Nuova. «Stiamo mantenendo i prezzi di caffè e cappuccino fissati diversi mesi fa – precisano i titolari –. Abbiamo dovuto aumentare le brioche di dieci centesimi dal 1° dicembre 2021, per il rialzo praticato dai fornitori. Per il resto, tengo a sottolineare che non facciamo distinzione tra caffè normale e macchiato». Sulla stessa lunghezza d’onda anche i titolari del bar Nelli di viale Europa. «A causa degli aumenti, abbiamo dovuto rialzare dieci centesimi sia per il caffè che il pezzo dolce. Sappiamo che questo non è piacevole per i nostri clienti ma non possiamo fare altrimenti. Speriamo che la situazione sanitaria migliori entro qualche settimana».

Per altre attività, come i titolari del bar Millennium di via Santa Croce, il calo dei clienti è dovuto, non tanto a questi piccoli rincari quanto al Covid che continua a impaurire la gente. «Penso che il minor afflusso dei clienti dipenda solo dalla paura di ammalarsi. L’aumento di materie prime e luce ci ha costretto ad alzare i prezzi: caffè e pezzo dolce costano 2,40 euro, per cappuccino e brioche si va sui 2,70».

I rincari fanno parte dei cicli economici per i titolari della pasticceria Sant’Anna, secondo i quali quanto accade oggi ricalca periodi del passato. «Onestamente non vedo grossi cambiamenti rispetto a quanto accadeva negli anni scorsi. D’altronde gli aumenti si sono sempre verificati. Per quanto ci riguarda, abbiamo applicato solo un aumento di dieci centesimi su caffè e cappuccino». Per i titolari del bar Il Barometro di Borgo Giannotti la situazione attuale non ha spaventato più di tanto i clienti. «Le persone sono ben informate e comprendono il meccanismo con cui dobbiamo fare i conti. Da noi, l’aumento di dieci centesimi ha riguardato solo i pezzi dolci».

Per alcuni esercenti, pesa l’incertezza del periodo attuale, anche per il futuro. Spiegano dal Momus di piazza Santa Maria: «Ad oggi non abbiamo praticato alcun rialzo dei prezzi, anche se dobbiamo fare i conti con un notevole rincaro delle bollette Non sarà facile mantenerli alla luce dei continui rialzi dei fornitori». Scenario simile quello tratteggiato dal titolare della pasticceria Cerri di via Cenami: «Abbiamo mantenuto fermi i prezzi di tutto il 2021: 2,40 euro per caffè e pezzo dolce, 2,60 per cappuccino e brioche, per venire incontro ai clienti. Non nascondo che, se dovesse proseguire l’aumento delle materie prime, sarei costretto a ritoccare i prezzi a partire da marzo». Mantenere alta la qualità e lasciare intatto il prezzo della colazione. È questo l’intento dei titolari della pasticceria Taddeucci: «Prediligere la qualità mantenendo un certo costo o abbassarla e scendere di prezzo? Noi abbiamo scelto la prima strada, nonostante i pesanti rincari. Da noi il costo della colazione classica rimane lo stesso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA