Bando per l’istruzione domande entro il 27

Stanziati fondi regionali per un importo di 221.000 euro  Serviranno per progetti di formazione e per laboratori

LUCCA. Il Comune di Lucca, come capofila, e i comuni della Conferenza zonale per l'istruzione della Piana di Lucca anche quest'anno si avvarranno di progetti condivisi tra pubblica amministrazione e soggetti del terzo settore per la programmazione educativa integrata territoriale e per questo è stato pubblicato un nuovo bando per l'aggiornamento dell'elenco zonale di associazioni, cooperative sociali e altri soggetti del terzo settore, in possesso dei requisiti di professionalità e delle necessarie capacità per la realizzazione di attività di formazione, tutoraggio, laboratori e progetti di promozione della qualità del sistema nella Piana di Lucca.

Nell'ultimo triennio nelle scuole della Piana sono stati realizzati ogni anno circa 220 progetti con la collaborazione di 40 soggetti mentre la Regione Toscana ha confermato il suo impegno mettendo a disposizione per il 2022 oltre 221mila euro.


Il nuovo bando è stato presentato dall'assessora alle politiche formative del Comune di Lucca, Ilaria Vietina, dall'assessore alle politiche educative del Comune di Capannori Francesco Cecchetti, dall'assessore alla pubblica istruzione del Comune di Altopascio Valentina Bernardini e da Beatrice Anderlini dell'ufficio istruzione del Comune di Lucca.

Gli enti parte della Conferenza zonale per l'istruzione della Piana (Comuni di Lucca, Capannori, Altopascio, Porcari, Montecarlo, Pescaglia e Villa Basilica), potranno così avvalersi dei soggetti per realizzare attività e progetti di tipo educativo su tutta la Piana. I progetti o percorsi presentati dovranno promuovere e contrastare la dispersione scolastica e promuovere l’inclusione degli alunni con bisogni educativi speciali, mantenendo attenzione alle azioni per il recupero del disagio scolastico in genere, e ai bisogni specifici scaturiti a seguito della chiusura delle scuole per l'emergenza sanitaria da Covid19. Sarà inoltre necessaria una diversificazione delle singole attività, in base alla platea di studenti (scuola primaria, secondaria di primo e di secondo grado) a cui sono indirizzati i laboratori.

Questi gli ambiti di intervento dei progetti educativi zonali: intercultura e inclusione linguistica, disabilità, contrasto al disagio e promozione del benessere negli istituti scolastici, orientamento scolastico. I soggetti interessati – in forma singola o associata – dovranno presentare tutta la documentazione richiesta, entro e non oltre il 27 gennaio, secondo le modalità indicate nel bando e negli allegati e moduli pubblicati sulle pagine del sito web del Comune di Lucca www.comune.lucca.it/Altri_Avvisi che prevedono procedure di compilazione online.

© RIPRODUZIONE RISERVATA