Nuova ambulanza per la Croce rossa Il presidente: «Interventi moltiplicati»

Il bilancio di un anno complicato, ma con molti progetti: riaprirà anche il comitato di Villa Basilica 

Volontariato

emenuela
ambrogi


Andrà direttamente Moreno Fabbri, 64 anni, presidente del comitato della Croce Rossa di Bagni di Lucca, a ritirare nella giornata di oggi la nuova ambulanza nella per portarla nella sede dell’assocaizione nella cittadina termale. Vista la recrudescende dell’epidemia non sarà possibile fare una cerimonia di inaugurazione, ma sarà fatta comunque la benedizione.

L’arrivo del nuovo mezzo di soccorso è un incremento del parco mezzi importantissimo per la Cri, alla prese con il superlavoro imposto dall’assistenza per i tanti casi Covid.

Con la nuova ambulanza diventano infatti sette le auto a disposizione e sarà più agevole assicurare gli interventi richiesti, che sono aumentati in maniera esponenziale.

La Cri di Bagni di Lucca sta oltretutto lavorando per avere l'accreditamento per fare i tamponi, in modo da dare aiuto anche alle farmacie, in una situazione di collasso per la insostenibile affluenza.

Ma non basta. «Stiamo lavorando – dice il presidente Fabbri – anche per organizzare una nuova apertura del comitato della Cri di Villa Basilica, che il 31 dicembre ha chiuso per motivi amministrativi. Al momento a Bagni sono iscritti 40 volontari da Villa Basilica. Il numero dei volontari di Bagni di Lucca arriva così a 200. Non è poco per la realtà di Bagni di Lucca, ma con le richieste di interventi che riceviamo saremmo felici di avere nuove adesioni, soprattutto da parte di giovani».

È intanto in fase di definizione l’acquisto della prima joelette del territorio, la carrozzella per disabili che consente di portarli anche sui sentieri di montagna, che verrà comprata con l'aiuto della amministrazione comunale. Un altro nuovo passo avanti per portare le persone affette da handicap, che grazie ai volontari e al nuovo mezzo possono essere portati in luoghi collinari e montani di singolare bellezza.

«Anche per la Croce Rossa sono stati due anni difficili – spiega Fabbri – ma la risposta e l'impegno dei volontari sono stati eccellenti. Ringrazio non solo chi dà aiuto, ma anche le famiglie che acconsentono alle nostre richieste e accettano i nostri servizi, vincendo la paura che è normale avere in questo momento. Sono contento di avere sul territorio una nuova ambulanza, acquistata grazie alla oculata gestione del comitato e alla generosità dei cittadini. In questi due anni abbiamo avuto più spese per la sanificazione e sono mancati appuntamenti importanti nei quali raccoglievamo offerte, come la rappresentazione della Befana al teatro Accademico e giornate con nostre iniziative, che mi auguro possano tornare vive quanto prima. Ma siamo comunque riusciti a far tornare i conti e a fare anche l’acquisto della ambulanza».

Fabbri è impegnato come autista e soccorritore, in prima linea ogni giorno. Non solo per accompagnare le persone a fare le visite, ma anche per una funzione sociale di aiuto alle persone in difficoltà.

Servizio che partirà presto anche a Villa Basilica, con la spesa portata nelle abitazioni delle persone malate, oltre che di chi ha il Covid e non può fare entrare i parenti.

La Cri garantisce anche la consegna dei medicinali a chi è solo o in difficoltà, in base alle segnalazioni che arrivano dalla Asl , dalle farmacie e dai medici di famiglia. I servizi essenziali sono forniti ogni giorno, per farmaci salvavita e non solo.

«C’è poi il servizio di telesoccorso fatto col Comune – aggiunge il presidente –. Il numero 0583 805454 è attivo 24 ore su 24. Inoltre aderiamo insieme all'Auser alla rete di distribuzione alimentare per le tante famiglie in difficoltà. Uno dei servizi più importante è stato poi quello di aiuto nella prenotazione dei vaccini e tamponi. Più di mille le persone aiutate nel 2021. Un volontario coordina il servizio garantito a tante persone sole o prive di computer, che non riuscivano a effettuare la prenotazione. Ci sono al momento tante persone isolate dai parenti: al numero 805454 c'è un volontario che risponde».

Fabbri è confortato dalla partecipazione che sta riscontrando nella popolazione: «Riceviamo sostegno anche da persone che, nonostante il lavoro, trovano tempo per dare aiuto agli altri. Tra queste anche medici in pensione».

A breve partirà il tesseramento per il nuovo anno e sarà possibile farlo anche on line. A maggio ci sarà infine una giornata celebrativa per ricordare Alberto Benvenuti, il medico lucchese che ha ricoperto per 50 anni la carica di presidente Cri (e direttore del locale poliambulatorio) dal 1948 al 1998, morto a 90 anni nel 2001.

Dopo Benvenuti c’era stata la reggenza di un anno di Roberto Pieri (deceduto pochi mesi fa) come responsabile amministrativo. Nel 1999 era entrato Moreno Fabbri, all’inizio come responsabile amministrativo, poi come presidente. Nato a Bagni di Lucca, Fabbri abita con la moglie Patrizia Barbi a Castelvecchio Pascoli. La signora gestisce da anni un negozio di frutta e verdura nel centro della cittadina termale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA