Itc Carrara, approvato il piano. Sarà recuperato il blocco B

La parte dell’immobile sulla circonvallazione verrà demolita e poi ricostruita.  L’edificio verrà dotato di cappotto termico. Un ascensore per la palestra

LUCCA. Proseguono i lavori di messa in sicurezza, recupero e riqualificazione del blocco C dell’Itc Carrara sulla circonvallazione. Intanto la Provincia ha approvato con un decreto firmato dal presidente Luca Menesini il progetto definitivo dei lavori per il blocco B del grande edificio realizzato negli anni ‘60. Un intervento che rientra nel progetto di messa in sicurezza sismica e ristrutturazione della scuola superiore cominciato nel 2015 e di cui è stato per ora concluso l’intervento nel “padiglione A” lato stadio. I lavori di cui è stato approvato il progetto riguardano il padiglione centrale (blocco B) che sarà demolito e ricostruito; l’adeguamento alla normativa sismica della palestra, la realizzazione di una nuova centrale termica e l’installazione di una nuova recinzione delle resede di fronte all’impianto sportivo nonché un generale adeguamento alle normativa antincendio.

Il costo dell’intervento ammonta a 11 milioni e 624 mila euro di cui 7 milioni finanziati dal Miur (già deliberati nel 2018), 1,5 milioni con mutuo acceso dalla Provincia con la Cassa depositi e prestiti, ulteriori 1,1 milioni tramite l’Istituto del Credito Sportivo e due milioni con accesso ai contributo sul conto termico del gestore servizi energetici.


«Passo dopo passo anche per l’Itc Carrara si prospetta un futuro con un edificio più moderno, sicuro e funzionale alla didattica attuale – commenta Menesini –. I lavori in corso al padiglione C potevano essere già conclusi se non ci fosse stato un contenzioso legale con la prima ditta affidataria per cui il tribunale ha bloccato il cantiere prima che potessimo riaffidare l’appalto. La prossima tranche dell’intervento è la conclusiva: ci consentirà di avere un edificio del tutto rinnovato, a risparmio energetico e sicuro sotto il profilo sismico e dell’impiantistica generale. Dall’altra rientrare in possesso di tutti gli spazi dell’Itc Carrara come Provincia ci permetterà di riorganizzare anche la dislocazione di alcune scuole visto che nell’edificio di viale Marconi studiano circa 600 studenti in uno spazio più grande».

I lavori prevedono la demolizione totale e la ricostruzione del blocco B con modifiche alla distribuzione interna e alla collocazione dei corpi scala, realizzando anche un piano seminterrato per ospitare nuovi laboratori, che nell’edificio attuale oggetto di demolizione è un piano parzialmente utilizzato come deposito, locali di servizio e spazi tecnici non accessibili.

Sarà fatto il cappotto isolante sulle pareti della palestra e del fronte dei laboratori e migliorata l’accessibilità dei soggetti diversamente abili. Saranno inoltre installati nuovi infissi alla palestra e nel fronte dei locali laboratorio.

Sempre nella palestra, dove sarà installato un ascensore, sono previsti lavori di messa in sicurezza per aumentare la rigidità della struttura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA