Contenuto riservato agli abbonati

Casa, Lucca attira stranieri: gli operatori spiegano i perché del successo

Nel 2020 battuta anche Firenze: a rivelarlo sono diversi dati raccolti da portali e riviste internazionali dedicate al settore immobiliare

LUCCA. Lucca batte Firenze. Il 2020 è stato un anno terribile sotto molti punti di vista a causa della pandemia, ma nel settore immobiliare è riuscito a regalare un primato di grande prestigio alla città dell’arborato cerchio. People like Lucca more than Florence. Ovvero Lucca piace agli stranieri che cercano casa più della tanto invidiata Firenze. A rivelarlo sono diversi dati raccolti da portali e riviste internazionali dedicate al settore immobiliare. Secondo Gate-away.com gli stranieri continuano a investire in Toscana e a Lucca in particolare, scelta come sede per una seconda casa in cui lavorare anche in smartworking o trascorre comunque diversi mesi all’anno. Nel 2020 le richieste per gli immobili del Belpaese da parte dell’estero sono salite di un 14.93% rispetto all’anno precedente. Le maggiori richieste sono giunte dagli Stati Uniti 23,06 per cento (percentuale sul totale); dal Regno Unito 11,71 per cento; dalla Germania 10,84 per cento; da stranieri presenti in Italia nel momento in cui hanno fatto la richiesta 6,07 per cento; dalla Francia 5,27 per cento.

La Toscana è la regione che ha ricevuto più richieste (15,03 per cento del totale). Il settore che attira di più gli stranieri è quello del lusso. Ne parla Natale Mancini, titolare di Casamica: «In questo segmento, che comprende immobili tra 1 e 20 milioni di euro, se fino al 2019 primeggiava Firenze, adesso è Lucca la prima scelta. È metà ambita da americani, canadesi e nord europei, richieste arrivano anche dall’Asia e dal sud est asiatico, nonché dagli Emirati Arabi. Lucca negli ultimi due anni, ha avuto un progressivo aumento di richieste e di transazioni immobiliari. Questo è dovuto a una certa stabilità dei prezzi e dall’attrattiva di una città con un centro storico a misura d’uomo contornata da piacevoli zone collinari».


Tra i motivi di questo successo ci sono anche i prezzi: «Il successo di Lucca è sicuramente dovuto alla sua collocazione strategica – spiega Alessandro Deghé di Serimm, associata di Knight Frank, agenzia immobiliare con uffici in tutto il mondo specializzata nel settore del lusso –: è vicina al mare, agli aeroporti e alle città d’arte. Ma l’altro vantaggio che offre la Lucchesia sono i prezzi, mediamente più bassi del 20-30 per cento rispetto a Firenze e alla zona del Chianti. Il 2020 per la nostra agenzia è stato un anno record, tanto che per la prima volta nel settore di lusso ci troviamo in una situazione in cui la domanda supera l’offerta e per questo siamo alla ricerca di nuovi immobili da vendere». A conferma del crescente appeal di Lucca, un articolo del Sunday Times che la descrive come «in assoluto il più forte mercato del settore del lusso in questa fase». Non a caso una giornalista del Regno Unito la prossima settimana verrà per tre giorni a Lucca per raccontarne il fascino e la bellezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA