Contenuto riservato agli abbonati

Il Covid fa altre due vittime in Lucchesia

Avevano 62 e 85 anni. Intanto i contagi scendono a quota 59 ma pesa l’effetto weekend

LUCCA. Cinquantanove contagi e due decessi in provincia di Lucca. La settimana non comincia bene: i nuovi casi sono in calo (59 contro i 116 del giorno precedente) come spesso avviene il lunedì, per il cosiddetto “effetto weekend” (che porta a un calo dei tamponi processati) ma a spaventare è soprattutto il ritorno dei decessi: ben due in provincia di Lucca sebbene una delle vittime sia una persona debilitata da altre patologie. Tuttavia, formalmente viene inserita nel conteggio del bollettino Covid perché risultata positiva, seppure a bassa carica, a un tampone.

Il virus, però, non pare essere la causa della morte di Vera Balla, 62 anni, residente nel comune di Lucca. L’altra vittima invece Antonia Maria Russo, 85 anni, residente ad Altopascio. Come sempre in questi casi spetterà all’Istituto superiore di sanità stabilire con certezza le cause del decesso. Il bilancio dei morti in provincia di Lucca ma in tutta la Toscana (sei decessi complessivi) torna a salire: dall’inizio dell’epidemia siamo ormai arrivati a quota 670. Viareggio è il comune che ha pagato il tributo più alto con 150 vittime, seguito da Lucca con 110. A seguire Camaiore con 68, Capannori con 67, Pietrasanta con 48 e Seravezza con 33. Altopascio, comune di residenza della signora Russo, è a 24, tutte arrivate dalla seconda ondata in avanti, dato che nella prima ondata la cittadina del Tau non aveva conteggiato morti. Come tasso di mortalità Lucca è quinta in Toscana con 175 morti ogni 100mila residenti, ben distante dalla primatista Massa Carrara (278,13). Per tasso di letalità (deceduti ogni cento casi positivi) Lucca è quinta con un tasso di 2,75. Più di un positivo su due (51,62 per cento) contrae il virus in ambito familiare, il 5,2 per cento al lavoro, il 9,46 per cento in una Rsa. Bassa ma in crescita (2,32 per cento) la quota di coloro che contraggono in virus all’estero.

Tornando ai nuovi contagi di ieri, sono così distribuiti sul territorio provinciale: 20 nella Piana (Altopascio tre, Montecarlo uno, Lucca 11, Capannori quattro); undici in Valle del Serchio (Camporgiano due, Bagni di Lucca tre, Castelnuovo Garfagnana tre, Coreglia Antelminelli due, Borgo a Mozzano uno); 28 in Versilia (Forte dei Marmi otto, Stazzema due, Massarosa cinque, Camaiore sette, Seravezza uno, Viareggio quattro, Pietrasanta uno). L'età media dei nuovi positivi a livello regionale è di 34 anni circa (26% ha meno di 20 anni, 40% tra 20 e 39 anni, 25% tra 40 e 59 anni, 6% tra 60 e 79 anni, 3% ha 80 anni o più). Purtroppo continuano ad aumentare anche i ricoveri: sono ora 179 i ricoverati per Covid nei policlinici toscani (12 in più rispetto al giorno precedente), di cui 20 in terapia intensiva (2 in più). Negli ospedali dell’Asl nord ovest (tra cui il San Luca) il numero è però stabile (34 pazienti) anche se c’è stato un ingresso ulteriore nei reparti di terapia intensiva (sei al posto di cinque).

Intanto la campagna vaccinale prosegue: nella piana di Lucca ormai un cittadino su due ha completato il ciclo e più del 64 per cento ha ricevuto almeno una dose. Si accelera con i giovani: dal 10 agosto anche i pediatri potranno iniziare a vaccinare i giovani assistiti con più di 12 anni. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA