Caos permessi, l’appello: «Fateli dal sito»

Lucca, il direttore di Metro: «Troppi utenti si concentrano a fine mese agli sportelli. Venite a inizio mese o usate la modalità online»

LUCCA. Utenti concentrati nell’ultima parte del mese e quindi file e proteste. Mauro Natali, direttore di Metro srl, risponde alle lamentele sollevate sul rinnovo dei permessi. «Non è vero che ci sono uno o due sportelli al pubblico. Ci sono quattro persone al front office che, come garantito dal contratto nazionale, hanno diritto ad alcune pause nella giornata. Oltre al personale allo sportello ci sono tre persone che si occupano di permessi online, rispondono alle mail e al telefono. Inoltre la responsabile del servizio è a disposizione degli utenti per gestire i molti casi particolari che si presentano. Non è vero che il personale non è all'altezza. Il personale è qualificato e professionale e nonostante lavori sotto pressione non fa scadere il livello di servizio prestato. Anzi, ringrazio tutti per la disponibilità in questo periodo a garantire un orario di servizio più lungo».

«Non è vero –aggiunge – che non si possa prenotare un appuntamento allo sportello. Da metà giugno è attivo il servizio di prenotazione e lo stiamo ampliando secondo le richieste pervenute. È vero che le persone che il 25 del mese cercano di prenotarsi non trovano posto. Ad esempio oggi (ieri, 2 agosto, ndr) abbiamo metà delle prenotazioni disponibili, la prima settimana libera e nessuna prenotazione per le settimane successive. Si può fare la pratica online. Da metà giugno si possono fare sia il permesso giornaliero che quello annuale online. Per quest'ultimo, dopo aver presentato la pratica e avuto conferma che tutto è a posto, l'utente deve pagare online e recarsi all'ufficio solo per ritirare il permesso senza fare la fila».


I dati sul numero di permessi rilasciati a giugno e luglio mostrano che la maggior parte degli utenti si reca agli sportelli Metro a fine mese. Dal 1º al 20 giugno sono stati rilasciati 489 permessi (37% in 20 giorni), dal 21 al 30 giugno (inclusi quelli fino al 3 luglio) rilasciati 828 permessi (63% in 10 giorni). Dal 1º al 20 luglio rilasciati 467 permessi (35% in 20 giorni), dal 20 luglio al 31 luglio 855 permessi (65% in 10 giorni). «È vero che l'ultima settimana di ogni mese c'è molto afflusso di utenti – dice Natali – e alcuni hanno dovuto fare lunghe file. Perché non accada si invita a non presentarsi allo sportello gli ultimi giorni. Suggerisco di usare le modalità online. Invito anche a fare attenzione alla documentazione da portare, per sbrigare velocemente la pratica. Abbiamo scritto tutti i vecchi possessori di permessi, invitandoli a fare le pratiche online o, se volessero venire allo sportello, a prenotare, in particolare nei primi venti giorni del mese». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA