Contenuto riservato agli abbonati

Litiga col vicino e gli spara con la pistola a pallini

Il fatto è avvenuto sabato sera dopo l’ora di cena: lieve ferita alla testa per uno dei due contendenti. Sul posto i carabinieri

CAPANNORI. L’eccessivo caldo può dare alla testa in molti modi e chissà che non ci sia proprio la canicola di questi giorni alla base della discussione scaturita sabato sera tra due vicini di casa a Camigliano, frazione collinare del comune di Capannori. Una discussione conclusa da un colpo di pistola giocattolo sparato da uno dei contendenti al rivale, che colpito dal pallino ha riportato una lieve ferita alla fronte.

La serata ha cominciato a diventare parecchio movimentata attorno alle 22,30, quando per motivi che le forze dell’ordine definiscono futili, è iniziata una lite tra due famiglie che abitano una accanto all’altra. Come al solito le parole hanno attizzato la brace della rabbia e da lì si è passati presto ai fatti, soprattutto quando sono intervenuti i due capifamiglia: un uomo sulla cinquantina e un quarantenne. La lite è trascesa in qualcosa d’altro quando il cinquantenne ha impugnato una pistola probabilmente per intimorire il rivale. Ma la vista dell’arma evidentemente non è bastata, tant’è che l’uomo armato ha esploso un colpo: per fortuna la pistola non era vera, era una pistola giocattolo caricata a pallini. Uno dei quali sembra aver ferito il quarantenne che ha riportato una piccola ferita alla fronte.


Visto il trambusto, alle 22,50 alcuni residenti hanno chiamato il 118 che ha inviato sul posto un'ambulanza della Misericordia di Montecarlo: il medico ha medicato l'uomo ferito alla sede dell’associazione e poi lo ha condotto in codice verde all’ospedale San Luca dove i medici gli hanno rilasciato un referto di sette giorni di prognosi.

Nel frattempo sul posto sono intervenuti anche i carabinieri, per cercare di capire cosa fosse successo tra le due famiglie. Hanno ascoltato i diretti interessati ed esaminato l’arma che è per l’appunto risultata essere una pistola giocattolo. La vicenda comunque non è terminata: ieri mattina, infatti, il 40enne ferito alla fronte si è presentato in caserma per sporgere denuncia nei confronti del vicino di casa, accusato di lesioni personali e minacce.

Ora starà ai militari della stazione di Lammari approfondire ulteriormente quanto accaduto in quella calda notte di mezza estate tra le due famiglie rivali nel tranquillo quartiere di Camigliano, che è solitamente noto per le ville storiche e i prati verdi. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA