Altopascio, ecco l'asfalto atteso da anni

Dopo tante proteste,apre il cantiere per rifare il manto di via dei Barcaioli

ALTOPASCIO. Non tutti i mali vengono per nuocere, un adagio che nella Piana trova adesso una perfetta rappresentazione. I mali, sotto forma di inevitabili disagi, sono quelli che dovranno sopportare i residenti di via dei Barcaioli e tutti quegli automobilisti che utilizzano la strada parallela all’autostrada fra Altopascio e Badia Pozzeveri. Qui, infatti, si sta montando un cantiere destinato a comportare la riduzione della carreggiata e rallentamenti causati da sensi unici alternati. Eppure, nonostante tutti questi problemi, a proposito di quel cantiere c’è un avverbio che accompagna questa notizia: finalmente. Sì, perché quei disagi serviranno a eliminarne altri, ancor più pesanti visto che si trascinano da anni con continue proteste verso il Comune di Altopascio.

Sono i problemi legati al manto della stessa via dei Barcaioli, un tratto di circa un chilometro che, nonostante sia molto utilizzato (soprattutto da chi vuole aggirare il passaggio a livello della via Romea), ha ben poco della via normale. Ricorda piuttosto un percorso di prova per fuoristrada: le buche sono diffuse per tutto il percorso e parecchio profonde. E là dove nel corso degli anni si è provato a rimediare con delle toppe di catrame la situazione è, se possibile, ancora più grave: le toppe ormai sono in frantumi, con l’asfalto trasformato in brecciolino pericoloso quanto le buche stesse visto che rischia di far perdere facilmente aderenza alle auto e soprattutto ai mezzi a due ruote.


Una situazione oggetto di parecchie proteste da parte dei residenti, anche perché non è un problema recente: da anni via dei Barcaioli è in condizioni disastrose, e da anni venivano annunciati interventi. Invece il passare del tempo è servito solo a peggiorare le cose. E a questo ha contribuito anche il cantiere per installare i pannelli fonoassorbenti alla vicina autostrada, collocato proprio su via dei Barcaioli.

Adesso però la volta buona è arrivata. Il nuovo cantiere servirà appunto per rifare il manto stradale dopo tanti rinvii (compreso quello provocato proprio dai lavori sull’autostrada), nonostante i fondi per l’intervento – che ammontano a 300mila euro – fossero pronti sin dal 2019.

Ad allungare ulteriormente i tempi anche l’iter per l’aggiudicazione dei lavori: il primo bando per le ditte interessate a fare i lavori aveva richiesto un ulteriore operazione di scrematura, viste le troppe adesioni (ben 133). Per questo è stato necessario fare un sorteggio per individuare quindici ditte che avrebbero potuto presentare un’offerta. Il sorteggio è stato fatto a fine marzo e delle quindici scelte dal destino in tredici hanno presentato una propria offerta. Alla fine ad aggiudicarsi l’opera è stata una ditta del territorio, la Giannini Giusto di Porcari con un ribasso del 6, 97 per cento sull’importo dei lavori a base d’asta. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA