Stop sfalci per sei mesi. Sulle Mura è nato il “corridoio ecologico”

Grazie all’intervento, api e farfalle sono tornate sugli spalti. Raspini: «Spiegheremo l’intervento con appositi cartelli» 

LUCCA. Api e lucciole sono tornate a popolare gli spalti delle Mura grazie all’intervento per favorire la biodiversità: il positivo bilancio dell’iniziativa ha dato il “la” per la prosecuzione di questo percorso.

Le Mura di Lucca e gli spalti sono infatti uno dei parchi pubblici più antichi e singolari d'Europa e ospitano, pur in ambiente antropizzato, una grande quantità di piante, insetti, uccelli animali che rendono questo spazio un’estesa Arca di Noè di biodiversità. Un patrimonio di bellezza e scienze naturali, un museo all'aria aperta che, con un po' di curiosità e attenzione, mostra il brulicare della vita, come accadeva tanti anni fa quando le Mura non erano sfalciate con mezzi meccanici.


L'assessore ai lavori pubblici e ambiente Francesco Raspini, il presidente della commissione consiliare lavori pubblici Daniele Bianucci e la biologa Arianna Chines hanno presentato il bilancio di due anni di sperimentazione che consegna dati positivi sull'equilibrio ecologico di questi spazi verdi.

Il progetto, in collaborazione con il Consorzio di bonifica Toscana Nord Ovest, si è basato sul rispetto della zona fra prato e fossato dove si incontrano terra e acqua, un luogo delicato e importante. Da marzo ad agosto del 2020 e del 2021 si è volontariamente evitato di sfalciare la gola interna dei fossati per consentire la proliferazione delle piante acquatiche, incentivare le fioriture delle specie vegetali, favorire la presenza delle api e di insetti predatori che controllano ed equilibrano la presenza di quelli infestanti. Finita la nidificazione e la produzione di semi da parte delle piante in agosto e fino all'inverno i fossati saranno sfalciati completamente, per garantire pulizia controllo delle opere idrauliche.

«L'idea è di proseguire e rendere stabile questa pratica ripeterla e migliorarla – afferma Raspini –, l'aspetto delle Mura resta ugualmente ordinato. Lo sfalcio programmato, per permettere in alcuni punti le fioriture, crea effetti estetici molto belli e cibo per api e farfalle. Ci accorderemo con la Soprintendenza per collocare una cartellonistica temporanea in alcuni punti e per spiegare ai cittadini la finalità dell'intervento». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA