A Capannori giro di vite sui rifiuti: multe a chi sbaglia

Bollino rosso a chi non differenzia bene gli scarti, poi arriva la sanzione

CAPANNORI. Cartellino rosso per alcuni utenti della Piana. L’Ascit, azienda che si occupa della gestione dei rifiuti a Capannori, Porcari, Altopascio, Montecarlo e Villa Basilica, richiede maggiore attenzioni agli utenti nel fare la raccolta differenziata. Questo dopo aver fatti verifiche mirate sul porta a porta e avere riscontrato alcune anomalie e irregolarità. Quindi qualche utente si è ritrovato sul sacco o sul contenitore un bollino rosso a indicare che l’operatore addetto alla raccolta ha riscontrato delle difformità tra quanto inserito e quello che è consentito mettere nel contenuto. Da luglio saranno intensificate le verifiche sul corretto smaltimento, soprattutto del multimateriale leggero (il sacchetto di colore blu) e del vetro. Dai riscontri fatti, a oggi si rileva che la criticità maggiore è la differenziazione della plastica, destinata al sacco blu solo se si tratta di un imballaggio. Numeri alla mano in questo ultimo periodo in un giro di raccolta, che è fatto di cira 700 ritiri giornalieri, sono stati applicati mediamente 10 bollini per conferimenti non idonei, in quanto nel contenuto del sacchetto erano presenti anche altri materiali, frazioni estranee per usare un termine tecnico. In particolare questa problematica è stata riscontrata per le utenze con contenitori carrellati, ad esempio condomini oppure utenze commerciali, ma la situazione è diffusa anche tra le utenze domestiche.

«Ascit organizza servizi di controllo della qualità dei materiali avviati a riciclo e il multimateriale è sicuramente il tema più delicato perché normalmente organico, vetro e carta sono molto puliti – spiega Alessio Ciacci, presidente di Ascit – ma il multimateriale, anche per la sua tipologia di raccogliere diverse frazioni come plastiche, tetrapack, allimunio e metallo, è spesso soggetto a conferimenti sbagliati. Nella plastica vanno solo gli imballaggi mentre diverse persone mettono anche altri oggetti, ad esempio giocattoli, spazzolini che vanno nell’indifferenziato». L’azienda ha quindi dato istruzione agli operatori di non raccogliere sacchi con grandi frazioni estranee in modo da non sporcare troppo la raccolta e rischiare di avere penalità economiche. Nelle prossime settimane si procederà a controlli più precisi e puntuali.

Gli operatori che effettuano il servizio di raccolta lasceranno dei bollini colorati sul sacchetto che non verrà ritirato in caso di irregolarità: a seconda del messaggio che si vuole comunicare all’utente si lascerà un cartellino giallo se il materiale è stato esposto nel giorno sbagliato e rosso se il materiale è stato differenziato non correttamente. A quel punto è necessaria la verifica del contenuto da parte dell’utente e una nuova esposizione del sacco o del contenitore, privo di bollino. In caso di comportamenti reiterati, quando l’utente continua a sgarrare, possono essere chiamati i vigili urbani e scattano le multe. Gli utenti possono richiedere informazioni chiamando l’azienda o consultando il sito (www. ascit. it) nella sezione guida alla raccolta. – © RIPRODUZIONE RISERVATA