Gramolazzo batte Ponte Vecchio: il lago sarà sui barattoli della Nutella

La foto del paesaggio lacustre della Garfagnana ha ottenuto più voti di uno dei simboli di Firenze. La Toscana sarà rappresentata anche da Orbetello

MINUCCIANO. A ottobre la Ferrero venderà qualche barattolo di Nutella in più in Garfagnana. La storia si ripete e Davide batte di nuovo Golia: il lago di Gramolazzo sarà protagonista sui prossimi barattoli della serie “Ti amo Italia” grazie al successo sul Ponte Vecchio di Firenze. Una sfida online che tra fine maggio e inizio giugno ha mobilitato tutta la Garfagnana e che alla fine ha visto la foto invernale del lago superare il tramonto sul celebre ponte con il 59 per cento delle preferenze. «Siamo al settimo cielo – dice il sindaco Nicola Poli – il senso di comunità ha prevalso. E ora tutti a visitare il lago».

La sfida sembrava davvero impari. Come poteva un lago montano di una piccola zona come la Garfagnana sperare di battere uno dei simboli dell’Italia nel mondo? Eppure, in Garfagnana ci si sperava molto. Non solo perché la scelta di una foto rispetto all’altra, nelle varie sfide regione per regione, è determinata spesso dalla bellezza stessa dell’immagine e dall’emozione che trasmette, ma perché da subito il territorio si è mosso unito per sostenere la candidatura di Gramolazzo. Tanti messaggi social e alla fine la vittoria. Il sindaco Poli festeggia, ma non svela alcuni “misteri”. «Chi ha scattato la foto? A me è arrivata da più parti, non so chi sia davvero l’autore dello scatto e immagino che adesso se lo contenderanno in molti – sorride –. Anche su come sia stato scelto il lago di Gramolazzo, posso davvero raccontare poco. Le foto sono state scelte da Enit, l’agenzia naturale del turismo. Io ho ricevuto una telefonata che mi chiedeva informazioni sul lago, ma non saprei dire a che punto erano con la scelta dei luoghi. La vittoria ci rende davvero felici. Ci credevo perché sapevo che potevo contare sullo spirito di comunità. Abbiamo creato un bel movimento in Garfagnana. A Firenze sono abituati a stare sui giornali, per noi è un evento. Ci hanno sostenuto da tutta la provincia e mi hanno chiamato anche da Firenze per dirmi che avrebbero votato il nostro lago».


La Nutella garantirà grande visibilità al lago di Gramolazzo e il sindaco pensa a come sfruttarla. «La notizia della vittoria è arrivata solo oggi (ieri, ndr), vedremo come sfruttarla al meglio coinvolgendo anche Enel – dice Poli –. Il mio invito è di visitare il lago adesso. La foto è invernale e racconta una dimensione naturale, ma in altri periodi i lago è una realtà vivace: spiagge, e-bike, canoe, pedalò, percorsi, spazi picnic e barbecue, due km di pista ciclabile. Insomma, tante attrazioni. A breve apriremo il prolungamento della pista dal molo ad Agliano e da lì fino a Gorfigliano. Da qui scatterà un altro percorso verso un’oasi naturalistica con piante ed essenze lacustri, tutte schedate dal naturopata Marco Pardini».

La Toscana sarà rappresentata anche da Orbetello. Per la prima volta sono stati i consumatori a ispirare e decretare i luoghi raffigurati sugli iconici vasetti di questa seconda edizione, attraverso una competizione online che ha raccolto 2.143.217 voti da parte del pubblico.

Ecco i 42 luoghi vincitori: in Abruzzo Lago di Scanno e Pacentro; in Alto Adige Seceda e Tre Cime di Lavaredo; in Basilicata Pietrapertosa e Lago Laudemio; in Calabria Tropea e Scilla; in Campania Napoli e Procida; in Emilia Romagna Comacchio e Rimini; in Friuli Venezia Giulia Baia di Sistiana e Trieste; nel Lazio Ponza e Roma; in Liguria Sestri Levante e Portovenere; in Lombardia Bergamo e Franciacorta; nelle Marche Numana e Lame Rosse; in Molise Lago di Castel San Vincenzo e Trabucco di Termoli; in Piemonte Colle del Nivolet e Monviso; in Puglia Torre S. Andrea e Polignano a Mare; in Sardegna Arbatax e Baunei; in Sicilia Lampedusa e Saline di Marsala; in Toscana Lago di Gramolazzo e Orbetello; in Trentino Cascata del Lares e Lago Nero; in Umbria Spello e Cascata delle Marmore; in Valle d’Aosta Ghiacciaio del Miage e Lago Gover; in Veneto Malcesine e Padova. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA