Contenuto riservato agli abbonati

Hotel stellato non trova camerieri, dopo lo sfogo del titolare arrivano le candidature

Francesco Domenici

Lucca, l'imprenditore e presidente provinciale di Confesercenti: «Con alcuni di loro ho fissato un colloquio. Speriamo bene»

LUCCA. Non trova camerieri per il ristorante del suo albergo Villa San Michele, a San Michele in Escheto, l’imprenditore Francesco Domenici, contitolare della struttura (è anche presidente provinciale di Confesercenti). Lo ha dichiarato chiaro e tondo al Tirreno, come riportato in questa intervista.

La risposta non ha tardato ad arrivare. Già nella giornata di ieri, dopo l’uscita dell’intervista, spiega l’imprenditore, contattato nel pomeriggio, «sono stato contattato da alcune persone che si sono candidate per fare il cameriere nel mio ristorante. È presto per dire che queste richieste andranno in porto e potranno svilupparsi in assunzioni. Nei prossimi giorni, con alcune di loro ho fissato un colloquio. Speriamo bene».


Dopo tante delusioni, dopo tante volte in cui si è sentito dire che gli aspiranti camerieri che si erano rivolti a lui per un’assunzione non avrebbero voluto lavorare la sera o in giornate festive, Domenici mette le mani avanti.

«Non mi sorprendo più di niente – afferma –. Il fatto è che tanta gente non ha alcuna voglia di lavorare di lavorare la sera, ad esempio. Ma voglio essere propositivo: magari tra queste persone che si sono fatte vive nelle ultime ore, qualcuna potrà essere davvero di supporto al nostro locale».

Cautela, insomma, seppure con un’apertura di fiducia. Tante le difficoltà a reperire personale nonostante che Domenici offra contratti veri ai camerieri. «Siamo anche disponibili a dare qualcosa in più visto che non troviamo personale. Il nostro è un contratto stagionale – ha spiegato – che va, a seconda delle ore lavorate, da 1.200 a 2.000 euro mensili. Abbiamo bisogno di sei camerieri per la stagione». Una stagione che a Villa Marta (l’altro albergo di Domenici) e Villa San Michele, dura fino a fine novembre. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA