Ruota, un paese senza parcheggi

Il borgo dove è bello vivere ma con tanti problemi in attesa di soluzione

CAPANNORI. Quando parcheggiare diventa un’impresa. I residenti di Ruota, uno dei più piccoli paesi del Capannorese, l’ultimo della zona sud al confine con il Monte Serra, lamentano la mancanza di posti auto. Questo anche perché negli ultimi due anni il paese è cresciuto, arrivando a quasi 270 abitanti, mentre le aree di sosta sono rimaste le stesse.

Un disagio evidente soprattutto d’estate, quando arrivano i turisti e il paese si ripopola: «Trovare un parcheggio in paese è diventato molto più complicato e sono troppo pochi gli stalli per soddisfare le necessità dei residenti, soprattutto quando ci sono cerimonie in chiesa ed eventi che richiamano tante persone, come il Presepe Vivente – dicono dall’associazione che organizza la manifestazione – e tenendo conto della la distanza da Capannori (13 chilometri ndr) e dai centri più popolosi per spostarsi usano tutti l’auto, anche tre o quattro a famiglia».


Ma quello dei parcheggi non è l’unico nervo scoperto della frazione. Negli ultimi mesi ci sono stati diversi episodi di vandalismo: sono state graffiate e danneggiate alcune auto e sono stati segnalati gruppi di balordi che girano di notte. Per questo viene sollecitata l’installazione di telecamere di sorveglianza. E poi il parco, altro annoso problema: l’associazione paesana sollecita il Comune a mettere mano al progetto di riqualificazione dell’area verde sotto la piazza principale: «Abbiamo la concessione per la cura e la pulizia del terreno e in questi tre anni abbiano tolto rovi e spine. Il Comune però aveva promesso le forniture primarie come acqua e luce per farlo diventare un’area verde per il paese e valorizzarlo». E, ancora, il caso del verde abbandonato in località fonte Pollina, dove ci sono «incuria nel taglio dell’erba e sporcizia, in un luogo dove vengono in tanti a prendere l’acqua ma privo di panchine e cestini».

Sempre in tema di incuria viene segnalato il caso della strada che va da Colle a Ruota, dove «l’erba ha ricoperto quasi metà della carreggiata e dove andrebbero pulite anche le fossette laterali».

Oltre all’associazione si lamentano anche i residenti, che evidenziano la mancata asfaltatura di metà del paese (fino alla piazza della chiesa) e la mancata installazione di dossi lungo la strada che porta al centro del paese, dove «le auto vanno forte e questo è un rischio per i ragazzi che giocano a pallone, un’abitudine ancora diffusa nel nostro paese». Sotto osservazione ci sono anche i cipressi davanti al cimitero che, seppur monitorati, appaiono pericolanti.

Tra i problemi di vecchia data quello della frana lungo la via che porta al paese: quella storica era stata sistemata nel 2020 grazie anche ad un finanziamento regionale di un milione e 350 mila euro, ma quasi nello stesso punto si è formata una nuova piccola frana, al momento circondata da blocchi new jersey. Piccola, ma che, visto il passato, preoccupa. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA