Contenuto riservato agli abbonati

Lucca, la Cremeria Opera assume

Mirko Tognetti della Cremeria Opera. L’Ape Regina della Cremeria davanti la chiesa di Marlia

La catena cerca addetti al banco. A settembre aprirà un nuovo locale a Marlia

LUCCA. In pochi anni è diventata un simbolo della Lucchesia, ma quella per il successo è una strada sulla quale non ci si può fermare. E di certo non ha alcuna intenzione di farlo Mirko Tognetti, mente creativa della catena di gelaterie Cremeria Opera. Una catena destinata a crescere ulteriormente, con riflessi, di conseguenza, anche sotto il profilo occupazionale.

Alle tre gelaterie attive a Lucca (in viale Luporini a Sant’Anna, a Sant’Alessio e Il Pinturicchio di Borgo Giannotti) se ne aggiungerà, tra pochi mesi, una quarta, in viale Europa a Marlia. E non è l’unica novità: parallelamente sta per essere aperto anche un centro di riferimento per tutta la catena. Una sede operativa o, per usare le parole dello stesso Tognetti, un «laboratorio con l’anima», che nella zona di San Marco, servirà come centro di produzione («Ma sarà pure una sede di sviluppo, ricerca e di condivisione»), e che tra le altre cose prevede anche una sala corsi per la formazione.


«Il progetto è nato nel 2013, non solo nell’ultimo periodo – spiega Tognetti – ma nel periodo pandemico abbiamo proceduto con una riorganizzazione aziendale, con una professionista esterna bravissima. Abbiamo anche avuto la fortuna di trovare un capannone, dove dar vita al centro di produzione». La struttura sorgerà in via dei Bichi, non lontano da via del Brennero. E proprio continuando lungo il Brennero si arriva idealmente, ma anche fisicamente, all’altro grande progetto firmato Cremeria Opera, ossia il quarto locale. Gelateria certo, ma non solo: «Abbiamo deciso di rafforzare il nostro marchio sul territorio, e contattati dal proprietario, abbiamo trovato questo fondo in viale Europa, che sarà gelateria, ma anche pasticceria». Un’apertura frutto di un lungo lavoro di preparazione, anche sotto il profilo della formazione, e che vedrà la luce alla fine dell’estate, nonostante tutti gli intoppi legati al periodo («Solo per fare un esempio anche per la consegna della componentistica elettronica si sono dilatati i tempi»), ma entro settembre la quarta Cremeria Opera è destinata a diventare realtà.

L’iniziativa è stata presentata, in modo simpatico, e anche dall’alto valore simbolico, direttamente a Marlia, in occasione della riapertura (dopo i lunghi lavori di restauro post terremoto) della chiesa del paese, con la presenza dell’Ape Regina, come è stato ribattezzato il carretto dei gelati che porta a spasso i sapori della Cremeria. Una crescita che si traduce anche in nuove opportunità di lavoro: «Per la sede operativa sono previste tre assunzioni, ma in quel caso si tratta di personale altamente specializzato per il quale abbiamo già i curriculum. Però per l’attività di banco nelle nostre gelaterie cerchiamo tre/quattro persone, con un bagaglio di esperienza nel settore della ristorazione. Mentre con l’apertura di Marlia sono previste altre cinque assunzioni. Chi fosse interessato può inviare la propria candidatura e il proprio curriculum attraverso il nostro sito, www.cremeriaopera.it, cliccando su “lavora con noi”». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA