In un mese contagi in calo del 64 per cento

Intanto la campagna vaccinale accelera, somministrazioni aumentate di un terzo: sono 7.135 nell’ultima settimana

Lucca. Calo dei contagi, boom di vaccinazioni. Oramai sappiamo che i dati giornalieri sono soggetti a oscillazioni determinate da variabili che talvolta rendono i dati schizofrenici (ad esempio il numero di tamponi effettuati o la quantità di vaccini a disposizione). Se, però, si allunga lo sguardo sull’arco dell’intera settimana le variabili tendono ad avere un effetto meno marcato e il racconto fornito dai numeri risulta più evidente e lineare.

Prendiamo i contagi: ieri in provincia si sono registrati 35 nuovi casi (25 nella Piana, tre in Valle e sette in Versilia). Un dato in aumento rispetto al giorno precedente (quando erano 24), e in calo rispetto a due giorni prima (44). Difficile, dunque, dire cosa stia succedendo. Se, però, si guarda ai contagi registrati negli ultimi sette giorni il discorso dei numeri diventa più chiaro. Da sabato 9 maggio a ieri, in provincia di Lucca si sono registrati 218 casi. La settimana precedente erano stati 352, ovvero il 38 per cento in più. E lo stesso era avvenuto nelle due settimane precedenti: 493 casi dal 25 aprile al 1° maggio e 605 dal 18 al 24 aprile. In pratica nell’arco delle ultime quattro settimane i casi sono diminuiti del 64 per cento. E questo sì che è un dato significativo per capire la “frenata” nella circolazione del virus.


Stesso discorso può essere fatto con le vaccinazioni. Nella Piana di Lucca alla giornata di ieri si contano 40.761 prime dosi e 24.850 seconde dosi. La percentuale di persone che hanno ricevuto almeno una dose è complessivamente del 29,4%. Queste le fasce d’età con la percentuale più alta: tra gli over 80 siamo al 90,3 per cento; tra i settantenni la quota è del 71,6 per cento; tra i sessantenni è del 25,4 per cento.

Nelle ultime 24 ore sono state somministrate 755 prime dosi e 514 seconde dosi. In totale 1.269, meno del giorno prima quando il computo complessivo era di 1.567. Questo non significa che la campagna stia rallentando. Al contrario se si guardano i dati settimanali l’accelerazione è evidente: 2.558 prime dosi e 4.577, totale 7.135. Nelle settimane precedenti i numeri erano inferiori: dal 2 all’8maggio erano state effettuate 2.815 prime dosi e 4.023 seconde dosi, totale 6.838. Nelle settimane precedenti i numeri erano ancora più bassi: dal 25 aprile al 1° maggio 5.081 somministrazioni (2.564 prime dosi e 2.517 seconde dosi). Nell’arco di tre settimane, dunque, c’è stato un aumento del 29 per cento delle somministrazioni. Segno che ora che i vaccini ci sono la macchina ha aumentato i giri. Resta sempre da capire se un hub con venti linee di vaccinazione potrebbe far incrementare ulteriormente il numero di somministrazioni. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA