Vaccini, il piano estate sicura per la provincia di Lucca

900 dosi al giorno per immunizzare il 60 per cento dei residenti entro luglio

LUCCA. Vaccinare il 60 per cento della popolazione entro metà luglio. Questo l’obiettivo dichiarato dal commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo per consentire agli italiani di trascorrere un’estate tranquilla e soprattutto vacanze sicure.

Calata sulla Lucchesia, questa percentuale cosa significa e quanto siamo ancora lontani? Ce lo dicono i numeri: tra Lucca e Piana i residenti sono 167.981, in Valle 55.052. Vaccinare il 60 per cento della popolazione significa dare il vaccino a 100.788 residenti della Piana e 33.031 della Valle. Ebbene l’obiettivo per il momento è ben distante, ma non irraggiungibile. A patto di dare un’accelerata alle somministrazioni. Alla data del primo maggio, infatti, siamo ad appena il 20,5 per cento dei vaccinati sulla Piana (34.482) e al 19,7 per cento sulla Valle (10.859). Prime dosi, ovviamente. Se si guarda alla completa immunizzazione (ovvero prima e seconda dose) la percentuale si abbassa al 8,9 per cento nei comuni della Piana e al 10 per cento sulla Valle. E l’obiettivo di allontana.


Per raggiungere la percentuale prefissata almeno per ciò che concerne le prime dosi nei prossimi 75 giorni si dovrebbero vaccinare 65.946 persone sulla Piana, con una media giornaliera di 879 somministrazioni al giorno, e 22.172 in Valle con una media di 292. Esclusi i richiami. Siamo in grado di farlo? Finora no. Il mese di aprile, quello in cui la campagna vaccinale ha visto le performance migliori, si ferma a 537 somministrazioni giornaliere di prime dosi sulla Piana. C’è bisogno di aumentare i giri del motore e per farlo servono due cose: vaccini e un hub adeguato. Sul primo fronte le cose sono in miglioramento dalla fine della scorsa settimana: «In questi ultimi giorni facciamo 800-900 somministrazioni al giorno – spiega il dottor Luigi Rossi, direttore della zona distretto Piana di Lucca –. Abbiamo ricevuto dosi importanti di Pfizer e Moderna, per fragili, caregiver e pazienti domiciliari. E poi con Astrazeneca facciamo i settantenni. Inoltre il presidente Giani ha annunciato poco fa che l’arrivo di 9.600 vaccini Johnson&Johnson consentirà, al massimo giovedì, di aprire il portale per chi ha 65-69 anni. Stiamo viaggiando a pieno regime: abbiamo 21 medici e 45 infermieri impegnati sulle vaccinazioni, e siamo riusciti ad aprire in totale una decina di ambulatori a Campo di Marte».

Ecco, questo è l’altro punto della faccenda: il padiglione A del vecchio ospedale si è dimostrato utilissimo per questa prima fase della campagna, ma ora che in numeri aumentano comincia a dimostrarsi inadatto (per conformazione) ad accogliere un così vasto numero di persone. E questo crea disagi, sotto forma di code e attese. «È innegabile che organizzare l’attività non è semplice anche perché abbiamo quattro tipi di vaccino differenziati per paziente e negli stretti corridoi del Campo di Marte i flussi si gestiscono con difficoltà – spiega Rossi – Il Polo fiere di Sorbano? È un open space e renderebbe tutto più semplice. Noi siamo pronti, aspettiamo l’ok della Regione». Asl e Lucca Crea, società proprietaria dell’immobile, si sono incontrati venerdì 23 aprile e lunedì scorso c’è stato un nuovo sopralluogo alla struttura. L’accordo tra le parti c’è, manca il placet di Firenze. I due enti sono d’accordo per riaggiornarsi il 20 maggio, ma in questi due giorni potrebbe esserci un’accelerazione.

Infine, si ragiona anche sul ruolo dei medici di famiglia. Il dottor Umberto Quiriconi, sulle pagine del Tirreno, ha sottolineato la necessità di mettere a disposizione dei medici un centro in cui, a turno, possano dedicarsi alle vaccinazioni. Ipotesi tutt’altro che campata in aria. La Regione sta lavorando con i sindacati di categoria per un nuovo accordo dopo quello sugli ultraottantenni. A seconda di quello che ne uscirà, su Lucca le ipotesi sono due: chiedere ai medici di vaccinare al Polo fiere, oppure concedere loro Campo di Marte per la somministrazione delle dosi ai propri assistiti. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA