Contenuto riservato agli abbonati

I medici super vaccinatori

La graduatoria dei professionisti che hanno iniettato il siero agli over ottanta

LUCCA. È il dottor Stefano Ciardella il medico di base che ha effettuato il maggior numero di vaccinazioni di ultraottantenni nel comune di Lucca. È il dato che emerge dal monitoraggio dell’Asl Toscana Nord Ovest sullo stato di avanzamento delle vaccinazioni nel territorio, un dato che deve essere però accompagnato da una premessa, ossia che si tratta di dati aggiornati al 26 aprile. E da allora è passata un’altra settimana di vaccinazioni. A quella data il dottor Ciardella non solo aveva il primato delle prime dosi fatte (192), ma anche quello dei richiami, unico medico dell’elenco ad aver superato quota cento (per la precisione 108) nel numero di seconde dosi.

Ma tra i dottori di medicina generale sono molti, anzi, sono la maggior parte, quelli che alla data del 26 avevano superato la quota delle prime 100 vaccinazioni, e oltre a Ciardella avevano raggiunto o superato le 150 prime dosi altri quattro medici: Valentina Gambogi con 156 e Maria Severa Adami, Alberto Baccelli e Giorgio Bechelli con 150. Per quanto riguarda i richiami, invece, dietro ai 108 fatti dal dottor Ciardella troviamo i 92 effettuati da Angelo Paolo Gelli, gli 85 di Dante Renzo Fantozzi e gli 83 di Lido Vitale.

Si tratta, in ogni caso, di vaccini effettuati a pazienti over 80, gli unici che, almeno fino a quel momento, potevano ricevere il vaccino dal proprio medico di famiglia.

Ovviamente questa non rappresenta una classifica di merito, visto che questo dato è condizionato da molti elementi. Primo tra tutti l’anzianità, termine da leggere in due modi: l’anzianità di servizio del medico, che si traduce in un numero maggiore o minore di assistiti (e quindi in un maggiore o minore numero di vaccini fatti); e poi c l’anzianità dei pazienti, visto che le percentuali di over ottanta nel novero dei propri assistiti (e quindi di persone da vaccinare) può variare notevolmente tra un medico e l’altro. Dalla lista poi mancano quei medici di medicina generale che, operando all’interno di una stessa struttura, nell’elenco Asl vengono indicati con il dato totale della sede di medicina di gruppo (è il caso, per esempio, dello studio medico di Borgo Giannotti, dove complessivamente sono state fatte 589 prime dosi e 243 richiami).

Ultimo particolare: questo dato non si riflette specularmente sulla popolazione ultraottantenne di Lucca. Perché il proprio dottore non è l’unica opzione per ricevere il vaccino, ma anche perché ogni medico di famiglia tra i suoi assistiti può avere anche pazienti dei comuni limitrofi. Quindi un medico che esercita a Lucca può aver vaccinato un ultraottantenne di Capannori, così come, un medico di Capannori, può aver vaccinato un paziente lucchese. --

© RIPRODUZIONE RISERVATA