Porcari, controlli su oltre settanta alberi a rischio

Il pino nella piazzetta Salvatore Uda

Quelli considerati instabili saranno abbattuti. Tra questi anche il pino marittimo nella piazzetta Uda: area già recintata

PORCARI. Via i pini pericolosi: il Comune di Porcari ha avviato un monitoraggio di oltre settanta alberi posizionati in aree pubbliche presenti sul territorio di competenza. Alberi che saranno abbattuti in quanto fragili e instabili. Tra questi il pino marittimo di piazzetta Salvatore Uda che sarà presto sarà tagliato. Un pino comune, come se ne vedono ancora tanti nella Piana, ma caro ai porcaresi. Perché l’albero si trova in un angolo di ritrovo dei cittadini per scambiare una parola o prendere un caffé all’ombra del verde.

«La situazione di pericolosità è stata rilevata in seguito al sopralluogo dell’ufficio tecnico comunale che, in via precauzionale, ha recintato e messo in sicurezza l’area», spiega il vicesindaco Franco Fanucchi.

L’albero, come si vede dalla foto a destra, ha raggiunto un grado di inclinazione eccessiva rispetto al terreno e l’instabilità della pianta mette a rischio l’incolumità dei tanti cittadini che frequentano lo spazio pubblico. Per questo motivo l’accesso alla piazzetta è stato momentaneamente interdetto.

Da una parte il monitoraggio e dall’altra un appello ad un maggiore controllo da parte dei privati dopo quanto accaduto giorni fa quando un grande albero si è abbattuto vicino al giardino della scuola dell’infanzia di via Giannini. La pianta si trovava in una proprietà privata ed è caduta verso l’asilo. Per fortuna senza gravi conseguenze, a parte una recinzione danneggiata, ma l’episodio ha spinto l’amministrazione a intensificare i controlli.

«Abbiamo concordato e predisposto un intervento per togliere in via precauzionale anche i pini alla scuola materna via Giannini – dice Fanucchi – Invito però i cittadini a verificare periodicamente questo tipo di alberi, perché possono diventare pericolosi, anche alla luce delle condizioni meteo sempre più imprevedibili tra pioggia, vento e burrasche. A volte le raffiche violente possono minare la stabilità dei pini, dobbiamo potarli spesso e valutare la pendenza che è il segnale premonitore di un possibile crollo».

Un’operazione che era stata avviata nel dicembre 2019 con il taglio di otto pini all’interno del parco giochi di piazza Felice Orsi, davanti al municipio. Alberi tirati giù per motivi di sicurezza, anche se con dispiacere dei cittadini affezionati a quel paesaggio, compreso lo stesso sindaco Leonardo Fornaciari, grande appassionati di piante.

Un intervento fatto anche a Capannori due anni fa dove per fare posto alla nuova piazza Aldo Moro (e ragioni di sicurezza) sono stati cancellati decine di pini che avevano rappresentato uno dei simboli della piazza stessa. – RIPRODUZIONE RISERVATA