Inquinamento dell'aria ancora troppo alto: scatta l’ordinanza

Riguarda i Comuni di Lucca, Capannori, Altopascio, Porcari e Montecarlo ed è valida fino al 1° marzo

CAPANNORI. Resta critica la situazione della qualità dell’aria, e scatta per l’ennesima volta l’ordinanza antinquinamento.

Così vista la nota con cui l’Agenzia regionale per l’ambiente ha comunicato il valore della media giornaliera di Pm10 negli ultimi sette giorni, e che evidenziano il superamento del valore limite giornaliero, e viste anche le previsioni meteo del Consorzio Lamma rispetto alla capacità dell’atmosfera di favorire l’accumulo degli inquinanti nei bassi strati, i Comuni di Lucca, Capannori, Altopascio, Porcari e Montecarlo hanno emesso martedì 23 febbraio la nuova ordinanza a tutela della qualità dell’aria.


Da mercoledì 24 febbraio, e fino a lunedì primo marzo, nelle abitazioni a un’altezza uguale o inferiore a 200 metri sul livello del mare, è vietato accendere gli impianti di riscaldamento domestico a biomasse nel caso in cui questi non siano l’unica fonte di riscaldamento per l’unità abitativa. Il divieto di uso di legna da ardere riguarda i caminetti o gli altri impianti di qualsiasi tipo che non garantiscano un rendimento energetico adeguato e basse emissioni di monossido di carbonio ad esclusione delle stufe a pellet.

Negli stessi giorni, nella fascia oraria 7.30-19,30, in questi Comuni non potranno circolare le autovetture diesel e benzina euro zero, euro uno ed euro due e i veicoli merci euro zero, euro uno ed euro due diesel; ciclomotori e motoveicoli euro zero (omologati prima del 17 giugno 1999), euro uno (omologati dopo il 17 giugno 1999); veicoli a uso speciale euro zero; autobus euro zero.

Il provvedimento, obbligatorio, è previsto dal Piano di azione comunale sottoscritto dalle amministrazioni comunali di Altopascio, Capannori, Lucca, Montecarlo e Porcari. Inoltre rientra nelle misure inserite nel Piano regionale per la qualità dell’aria approvato dalla Regione Toscana che impone ai Comuni azioni urgenti per ridurre le emissioni di polveri sottili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA