Tagliano gli olivi senza autorizzazione: area sotto sequestro

È successo a Segromigno in monte in un'area collinare soggetta a vincolo paesaggistico

CAPANNORI. I militari della stazione carabinieri forestale di Capannori hanno accertato nei giorni scorsi il taglio illegale di diverse decine di piante di olivo di grandi dimensioni radicate su un esteso appezzamento in frazione di Segromigno in Monte, nel comune di Capannori in un'area collinare soggetta a vincolo paesaggistico.

I lavori, segnalati da alcuni cittadini, sono stati immediatamente sospesi e tutta l'area stata posta sotto sequestro al fine di interrompere l'illecito. Attualmente, fanno sapere i militari, la Legge regionale (Lrt n. 23/2020) pone comunque l'obbligo nel caso di taglio di piante di olivo di preventiva comunicazione (30 giorni prima dell'inizio dell'intervento) al Comune di competenza per verifica della conformità dell'intervento con gli strumenti urbanistici.

Nel caso in cui la zona su cui si intende procedere al taglio delle piante sia soggetta a vincolo paesaggistico diviene necessaria anche l'autorizzazione a tale fine in mancanza della quale si compie un illecito di rilevanza penale. Le colline su cui è stato effettuato il taglio abusivo di piante di olivo, insieme alle ville lucchesi, sono state ufficialmente dichiarate di notevole interesse pubblico con specifico decreto risalente al 1985 che comprende un esteso territorio della provincia di Lucca .