Maltempo, passa la piena del Serchio. Frane e strade interrotte in Valle

Il Serchio in piena

Pioggia, vento e scioglimento delle nevi hanno portato a una notte di apprensione per il fiume. Raffica di interventi di protezione civile e Vigili del fuoco

LUCCA. Una notte di apprensione per il maltempo, quella fra venerdì 22 e sabato 23 gennaio, in tutta la Lucchesia, con gli occhi puntati soprattutto sul Serchio, ingrossato dalle piogge e anche dallo scioglimento della neve caduta nelle ultime settimane in alta Garfagnana.

La piena è passata nelle prime ore della mattinata a Lucca: l'assessore alla protezione civile Francesco Raspini ha parlato di "una portata di circa 1.000 mc al Piaggione, quindi non particolarmente preoccupante". Notte insonne anche a Borgo a Mozzano, uno dei tratti più delicati del corso del fiume, in particolare nella zona del Ponte del Diavolo: Come spiegato su Facebook dal sindaco Patrizio Andreuccetti "siamo contenti sia bastato il presidio. Sul territorio c'è qualche smottamento su cui agire; in particolare la panoramica rimane chiusa fino a nuova comunicazione".

Proprio frane e smottamenti sono stati i problemi maggiori fin dalla serata di venerdì, con la chiusura della provinciale delle Radici dal Casone di Profecchia al passo, della strada Verni-Trassilico (Gallicano) e con problemi seri nel comune di Bagni di Lucca. Nella nottata è stata chiusa al transito anche la provinciale 55 di Boveglio (Villa Basilica), interrotta per una frana all'altezza della cartiera Ponte d'oro, appena sopra la località Pracando. Pracando è raggiungibile da Villa Basilica, mentre Colognora invece passando da Bagni di Lucca. Sul posto le maestranze della Provincia.

Interrotta anche la strada per Piegaio alto, nel comune di Pescaglia: gli operai stanno provvedendo per ripulire la carreggiata.

Nella Piana corsi d'acqua minori sorvegliati speciali perché vicini al limite di guardia: nella serata di venerdì gli abitanti di Porcari sono stati invitati dalla protezione civile a mettere in sicurezza le auto e a dormire ai piani alti delle case.

Diversi interventi hanno visto i Vigili del fuoco all'opera per rami e alberi crollati sotto il forte vento.