Il sostituto Alberto Dello Iacono pronto a insediarsi in procura

Proveniente da Massa a breve prenderà possesso del suo nuovo ufficio  Il giudice Tiziana Lottini si trasferisce a La Spezia e si occuperà del Civile

/ LUCCA

Il sostituto procuratore Alberto Dello Iacono, 54 anni, nato ad Aversa (Caserta), dall’inizio degli anni Duemila facente parte dell’ufficio requirente di Massa, ieri mattina ha incontrato il procuratore facente funzioni Lucia Rugani ed è pronto a prendere possesso del suo nuovo ufficio al palazzo di Giustizia di via Galli Tassi.


La notizia del suo arrivo era stata anticipata dal nostro quotidiano lo scorso agosto, ma per problemi legati alla carenza d’organico alla procura apuana (con altri tre magistrati in procinto di lasciare la sede) il procuratore di Massa aveva chiesto e ottenuto il posticipato possesso. In attesa della nomina del nuovo procuratore, Dello Iacono entrerà in servizio a breve andando a rimpiazzare il sostituto procuratore Aldo Ingangi, ora fuori ruolo, indicato a Eurojust, l’agenzia dell’Unione Europea per la cooperazione giudiziaria penale con sede all’Aia (Olanda) che si occupa di coordinamento e collaborazione giudiziaria tra le amministrazioni nazionali nel contrasto al terrorismo e alle forme gravi di criminalità organizzata che interessano più di un Paese dell’Unione.

Nella sua ultraventennale carriera Alberto Dello Iacono ha svolto importanti e delicate inchieste come, tra le altre, quella per la presunta lottizzazione abusiva all’ex Doria a Ronchi (2011), quella della gang dei Ricci, protagonista assieme a quella dei Mazza, della faida dei Poggi, una guerra combattuta a colpi di arma da fuoco, pestaggi e minacce che risale alla primavera del 2015 e ancora quella delle aste pilotate che portò in carcere nel 2017 un giudice e un ex assessore del comune di Vergemoli.

GIUDICI PENALI

Non è l’unica novità a palazzo di Giustizia. Entro fine anno lascerà il tribunale di Lucca il giudice penale Tiziana Lottini destinata al tribunale di La Spezia dove ricoprirà funzioni di giudice civile probabilmente come giudice delle esecuzioni nel delicato settore fallimentare. Destinati quindi al rinvio o nuove assegnazioni diversi processi monocratici con il collegio di cui faceva parte che dovrà essere modificato.

DIRIGENTI

Modifiche negli assetti della struttura dirigenziale del settore penale. Entro fine 2020 lascerà l’incarico di dirigente amministrativo dell’ufficio requirente Filippo La Fauci che, proveniente dalla procura di Livorno, nel 2018 aveva sostituito nel ruolo Felicita Biancalana, la storica dirigente e autentico totem della procura trasferitasi dopo decenni al tribunale di Pistoia. Il suo posto sarà preso in via provvisoria, tra l’altro esattamente come avvenne in occasione del trasferimento della dottoressa Biancalana, dalla dirigente facente funzioni Maria Neve Donadio in attesa dell’arrivo di una nuova professionalità dotata dei necessari requisiti di legge per svolgere il ruolo. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA