Parla americano il vino prediletto di Tobino. La tenuta del Greo venduta a John Adamo

Passa la mano la famiglia Viani. L’obiettivo della nuova proprietà è intensificare l’attività di promozione in tutto il mondo



Chissà cosa penserebbe lo psichiatra-scrittore Mario Tobino nell’apprendere che uno dei suoi vini preferiti, quel “Greo” che assaggiava nel suo amato “Solferino” a San Macario, ora sarà prodotto non più dalla storica famiglia Viani, ma da una società americana.
Sì perché la fattoria tra Pieve Santo Stefano e San Martino in Freddana e Pieve Santo Stefano, sulla via per Camaiore, è stata acquistata da un gruppo statunitense che ha conosciuto e apprezzato il “Greo” arrivato anche sul mercato Usa. Il nuovo proprietario è l’americano John Adamo e da lui prende il nuovo nome la tenuta che si chiama “Adamo” e non più Greo.

«Le motivazioni che hanno portato all’acquisto - dice Antonio Maffia, nuovo amministratore della tenuta - sono molteplici. Adamo ha avuto modo di incontrare in California Giancarlo Viani e da lì è nato l’accordo». Primo obiettivo della nuova proprietà è far scoprire e riscoprire la tenuta a turisti e lucchesi che potranno fare una eccellente degustazione. La fattoria è già aperta al pubblico. Ma Adamo vuole continuare nel solco della tradizione nata con la famiglia Viani, introducendo qualche novità che potrà far apprezzare maggiormente la cantina. Nella nostra città il rosso (ma anche il bianco e l’olio prodotti nella stupenda collina di San Martino) del Greo è considerato al top nella classifica dei migliori vini della Lucchesia. Ha soppiantato l’apprezzatissimo, ma artigianale e poco commercializzato “Segale” di qualche anno fa e se la batte con le altre etichette che vanno per la maggiore.

A produrlo, per motivi anagrafici e di ricambio generazionale, non sarà più però la storica famiglia Viani, che ha passato la mano dopo aver vinificato nei suoi sei ettari a duecento metri di altezza per oltre un secolo, producendo anche olio extravergine di rara qualità nel suo frantoio a macine di pietra. A sovrintendere la produzione per conto degli americani sarà Antonio Maffia che intende migliorare ancora e potenziare il marketing di un rosso corposo e aromatico, da palati fini.

E ad una riorganizzazione sarà sottoposta anche l’attività agrituristica della fattoria che già si poteva visitare anche per assaggiare e acquistare vini rossi e bianchi e l’ottimo olio extravergine di oliva.
Per i nuovi proprietari, si può però fare meglio e di più puntando su una migliore promozione e pubblicizzazione. Non basta infatti essere inseriti nelle strade del vino se poi i visitatori hanno difficoltà a capire se e in quali orari le fattorie sono aperte e coso offrono e a quali prezzi. Da bevanda prelibata proposta da Giampiero e Sauro Gemignani nel ristorante Solferino (il primo cura la cucina, il secondo la sala e, da sommelier, l’abbinamento dei vini ai cibi), gettonatissima da Tobino e dai tanti personaggi del jet set internazionale, reali d’Inghilterra compresi, che frequentavano il locale pluristellato, il “Greo” oggi “Adamo”, pur essendo un prodotto di nicchia per il limite nella produzione, punta a diventare un “must” da servire sulle tavole del mondo.