Confidustria attacca: «Norme assurde, non dovete accusarci»

L’associazione preoccupata per le politiche del lavoro. «Assurdo l’obbligo di prolungare i contratti a termine»

LUCCA. Quello del lavoro è uno degli aspetti su cui si appuntano le maggiori preoccupazioni per i prossimi mesi. Lavoro in tutti i suoi aspetti: mantenimento dell'occupazione e delle professionalità acquisite, disponibilità di risorse adeguate per gli ammortizzatori sociali, possibilità per le imprese di svolgere la loro attività nonostante i molti vincoli che ne penalizzano l'operatività. È questa la posizione di Confindustria Toscana Nord.

«Un caso clamoroso - spiega l’associazione - è quello dell'obbligo di prolungare i contratti a termine sospesi a causa della pandemia per un periodo equivalente alla sospensione stessa, indifferentemente che si sia trattato di cassa integrazione o ferie o altri periodi di assenza previsti dalla legge. Un provvedimento a cui Confindustria si è opposta, senza trovare in Parlamento consenso sufficiente a fermare una norma che impone di intrattenere rapporti di lavoro in periodi non previsti, talvolta di forte rallentamento dell'attività per ricorrenti fattori stagionali o per la situazione contingente. Una norma sospetta addirittura di incostituzionalità, che impone alle aziende costi di personale eccessivi e inappropriati».


In questo contesto «accuse generiche di abusi nell'utilizzo della cassa integrazione (fra gli accusatori c’era stato anche il Governatore Enrico Rossi, ndr.) sono particolarmente sbagliate e offensive per gli imprenditori corretti che hanno fatto ricorso a questo strumento - qualche volta addirittura per la prima volta nella storia aziendale - solo perché costretti dalle circostanze. Le istituzioni dovrebbero pensare non a fare proclami ma a limitare e sanzionare gli abusi acclarati che danneggiano le imprese corrette e - altrettanto importante - a non creare condizioni che li favoriscano». Un esempio: «Subordinare la concessione per settembre delle 4 settimane aggiuntive di cassa integrazione Covid-19 alla fruizione per intero di quelle precedenti rappresenta un irrigidimento ingiustificato. Questa norma infatti penalizza le aziende che, fortunatamente, hanno potuto e voluto evitare di utilizzare l'ammortizzatore sociale per tutto il periodo fruibile, ma che potrebbero avere bisogno di attivarlo tra settembre ed ottobre. Anche le aziende che hanno lavorato e lavorano con continuità hanno problemi consistenti. Un esempio è il grave rischio che potrebbe concretizzarsi dopo le ferie: trovarsi con una forza lavoro insufficiente a causa della quarantena imposta ai lavoratori di ritorno da paesi a rischio. Un problema di difficile soluzione che, allo stato attuale delle normative, può essere solo prevenuto dal senso di responsabilità dei lavoratori stessi, che evitino di recarsi in quei paesi o che ne facciano ritorno in tempi utili per assicurare comunque la presenza al lavoro nel giorno stabilito. Diversamente, vi potranno essere aziende non in grado di riprendere un'attività che, soprattutto in alcuni settori, richiede organici tecnici minimi indispensabili di linea o di macchina».
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi