Addio a Lazzarini, il sindaco aviatore che “inventò” l’Ulivo prima di Prodi

Consigliere comunale già nel 1956, si vide negare la ricandidatura per i giochi dei partiti. Perse per soli 175 voti l’elezione alla Camera