Farina di castagne Quella di Coreglia tra le più buone

Al premio nazionale organizzato in provincia di Grosseto  riconoscimento anche  all’azienda Alice Nuldi  dalla Garfagnana

COREGLIA. La farina di castagne della Lucchesia ancora protagonista. Nei giorni scori a Boccheggiano di Montieri, in provincia di Grosseto, si è svolta l’edizione 2020 del Premio Nazionale Farine di Castagne, arrivato alla sua quinta edizione. Vi hanno partecipato 56 farine di castagne, provenienti da 8 Regioni Italiane (Toscana, Liguria, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Lazio, Campania e Trentino Alto Adige).

A seguire l’evento c’era anche l’associazione Mangia Trekking, attiva tra l’Appennino Tosco Emiliano e le Alpi Apuane, che ha sviluppato una fattiva collaborazione con l’Associazione dei Castanicoltori della Lucchesia, la quale è da sempre impegnata per far conoscere e valorizzare i tanti territori italiani, dove è viva la cultura dell’albero del pane. Così le stesse due associazioni, Castanicoltori lucchesi e Alpinismo Lento, presenti all’iniziativa, sono state ben liete di rilevare che la classifica finale ha visto una bella affermazione dei territori di San Godenzo nel Fiorentino, di Fazzano di Fivizzano a Massa Carrara, di Vetto a Reggio emilia e della nostra Coreglia Antelminelli.


La classifica finale delle aziende ha visto primeggiare la Pugi Virgilio di San Godenzo seguita da La BucoliKa di Fivizzano e dalla Paolo Pattonelli di San Godenzo. Ma tra i premiati eccellenti ci sono stati anche Giuseppe Maioli di Vetto e Alice Nuldi di Coreglia Antelminelli.

L’iniziativa ha confermato l’importanza di una larga collaborazione tra coloro nel che Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, nel Parco Regionale delle Alpi Apuane, e dalla ligure Val di Vara, fino alla Lucchesia, collaborano e partecipano ad una interessante operazione, tesa a promuovere la valorizzazione e il recupero della cultura dei castagneti. —