Beccati sul “taxi” della droga: un arresto e un denunciato

Operazione dei carabinieri a Balbano: i due erano a bordo di un auto di un cliente che così li ripagava. Durante la fuga un 20enne ha ingoiato la sostanza

LUCCA. Ancora un’operazione delle forze dell’ordine contro lo spaccio di droga. Nel pomeriggio di martedì 11 gennaio, infatti, i carabinieri della sezione radiomobile di Lucca hanno arrestato per detenzione di stupefacente ai fini di spaccio un tunisino di 20 anni 20 e denunciato in stato di libertà un suo connazionale minorenne, di 15 anni.. L’operazione è avvenuta a Balbano, in un’area della perfieria caratterizzata da un importante transito veicolare, al confine con la provincia di Pisa.

I due stranieri, che provenivano proprio da quel territorio, sono stati controllati a bordo di un’autovettura condotta da un cittadino italiano, tossicodipendente, che, in cambio di favori nell’acquisto della droga, li stava accompagnando sul luogo di “lavoro”.


Al momento del controllo da parte di militari i due tunisini hanno entrambi tentato la fuga a piedi. Nel corso di questo tentativo di scappare uno dei due, il 20enne, ha ingerito una parte della sostanza che aveva dietro, accusando poi un malore e venendo condotto, una volta raggiunto, in ospedale dove è rimasto a lungo in osservazione, prima di essere condotto in carcere.

Il 15enne, privo di documenti e di altre precedenti identificazioni, è stato accompagnato presso una casa famiglia della zona. Occultati tra i loro vestiti i carabinieri hanno recuperato grammi 30 di eroina e 5 di cocaina.

Nelle uiltime settimane sono stati diversi i controlli che hanno portato a individuare zone di spaccio nelle boscaglie della Lucchesia. Dieci giorni fa, sempre a Balbano, la polizia aveva arrestato un 17enne, anch’esso tunisino, colto sul fatto mentre stava vendendo una dose di eroina a un cliente. —