Malvaldi “rapito” da Barga: «Ambienterei volentieri un romanzo nel borgo»