Stones, tagliati gli alberi pericolosi nell’area concerto

Tre tigli recisi lungo il perimetro del campo Balilla, sfrondate le chiome di alcuni pini. Dal primo settembre si monta il palco

LUCCA. Ruspe ed escavatori sono al lavoro per preparare il prato del campo Balilla ad ospitare il maxi evento del concerto dei Rolling Stones del 23 settembre, unica data italiana del tour mondiale. Tre tigli che si trovavano sul perimetro dell’area sono stati tagliati; inoltre negli ultimi giorni si è provveduto anche a sfrondare le chiome di alcuni pini che si affacciano sull’area concerti: un intervento, quest’ultimo, portato avanti dall’Opera delle Mura per eliminare piante malate e giudicate non sicure, a maggior ragione in vista delle manifestazioni che interesseranno l’area: prima il concerto degli Stones, poi Lucca Comics & Games.

I lavori stanno interessando il prato degli spalti che verrà completamente ricoperto da uno strato di tessuto speciale su cui verrà steso lo strato di terra dell’area prato che ospiterà la gran parte degli spettatori. Poi, dal primo settembre, i lavori procederanno con l’allestimento dell’area palco vera e propria, a ridosso del baluardo del Caffè delle Mura e alla copertura del fossato che corre tra la circonvallazione e il Balilla e del canale Piscilla con pontoni galleggianti. In tutto l’area del Balilla, larga 93 metri e lunga 215, ospiterà 55 mila spettatori. L'ultimo atto sarà il montaggio del palco (acquistato dalla D&G), enorme ed avveniristico, posizionato a ridosso del baluardo del Caffè delle Mura) con una “passerella” per fare camminare Mick Jagger e soci tra il pubblico.

Con la prossima settimana si entra nel vivo del concerto dei Rolling Stones. Martedì nel corso di una conferenza stampa congiunta il Comune e il patron Mimmo D'Alessandro sveleranno i dettagli degli aspetti logistici e le strade che saranno chiuse per garantire la sicurezza durante il concerto. In settimana sarà annunciato anche il nome della band di apertura che suonerà prima delle mitiche “pietre rotolanti”. Un opening act d'eccezione con una giovane rock band americana emergente ma già nota al grande pubblico.

Sul lato delle Mura saranno montate pedane rialzate protette per evitare contatti con gli storici mattoni e problematiche dovute alla ressa degli spettatori. Il 1 settembre sarà on line anche "Dancing in Lucca", il video del flashmob organizzato lo scorso 4 giugno)sugli spalti dell’ex campo Balilla dove si esibiranno i Rolling Stones. L’idea è di Lavinia Andreini, ventenne regista lucchese, e della sua Polyedric Visions, la sua “factory artistica”. Giovani e giovanissimi, non solo di Lucca, hanno raccolto l’invito a danzare sulle note di “Dancing in the streets”. Un video (nel logo Ilaria del Carretto che fa la mitica linguaccia degli Stones) sarà pubblicato su Youtube e inviato direttamente alla band inglese che si contrapponeva ai Beatles. E sempre la prossima settimana è previsto un vertice della questura, un tavolo operativo con gli altri enti componenti e gli organizzatori per definire il piano della sicurezza che sarà scrupoloso: l'ultimo attentato di Barcellona e l'affluenza di 55mila spettatori per l'unica data italiana potrebbero portare a nuove misure oltre alle barriere anti-sfondamento e alle zone pre-filtraggio già adottate per i concerti di luglio del Summer Festival.